Giornate Fai di Primavera, a Orte le aperture speciali dell’ex chiesa dei Raccomandati e di palazzo Nuzzi

NewTuscia – ORTE – Il 26 e 27 marzo tornano le Giornate Fai di Primavera, il più importante evento di piazza rivolto al patrimonio culturale e paesaggistico dell’Italia. Oltre 700 luoghi solitamente inaccessibili o poco conosciuti in 400 città saranno visitabili a contributo libero, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, grazie ai volontari di 350 Delegazioni e Gruppi Fai attivi in tutte le regioni. Nella Tuscia, la XXX edizione della manifestazione del Fondo Ambiente Italiano sarà dedicata alla scoperta dell’ex chiesa dei Raccomandati e di palazzo Nuzzi a Orte (VT). La cittadina domina il corso del fiume Tevere dall’alto di una rupe tufacea, abitata sin dall’epoca etrusca in virtù della sua posizione strategica e attraversata da una fitta rete di cunicoli che collega decine e decine di ambienti usati nei secoli per le funzioni più diverse.
“Andremo nel sottosuolo di Orte per raggiungere uno dei tesori nascosti sotto la città – afferma la capodelegazione del Fai di Viterbo Lorella Maneschi -. L’ex chiesa dei Raccomandati faceva parte di un complesso realizzato dall’omonima confraternita ed è stata costruita nel 1380. La struttura ha subìto nel tempo un’azione d’interro, venendo pressoché dimenticata. Recentemente l’edificio è stato teatro di un inaspettato ritrovamento, permettendo a noi oggi di raccontare alcune affascinanti sfaccettature della storia di Orte. Ci sposteremo, poi, a palazzo Nuzzi, fino a pochi anni fa sede del Comune, ma originariamente palazzo di famiglia di una delle figure più importanti della storia moderna del comune viterbese: il cardinale Ferdinando Nuzzi. Il recente restauro condotto nella camera cardinalizia ha permesso di conoscere in maniera approfondita il palazzo e le sue notevoli pitture murali, che saranno raccontate dagli stessi restauratori che vi hanno lavorato”.
Per le visite non è necessaria la prenotazione. L’appuntamento è al civico 1 di piazza del Plebiscito il 26 e 27 marzo, dalle ore 10 alle ore 16,30.  Le visite si svolgeranno nel pieno rispetto delle normative anti Covid-19 vigenti. L’accesso è consentito alle sole persone in possesso di green pass rafforzato ed è obbligatorio l’utilizzo di mascherine FFP2. Il green pass non è obbligatorio per i bambini al di sotto dei 12 anni e per i soggetti esenti in base a idonea certificazione medica. Chi deciderà di prendere parte alle Giornate Fai potrà offrire un contributo per sostenere la Fondazione. Ai partecipanti verrà suggerito un contributo non obbligatorio a partire da 3 euro e la donazione online su www.giornatefai.it. Chi lo vorrà, potrà sostenere ulteriormente il Fai con contributi di importo maggiore oppure con l’iscrizione annuale, sottoscrivibile online o in piazza in occasione dell’evento.