Gaetano Alaimo

NewTuscia – VITERBO – 24° puntata di “Luce Nuova sui fatti” dedicata ai Carnevali più belli d’Italia e della Tuscia e ad un approfondimento sull’Ucraina. Un momento per staccare un po’ la spina rispetto al lungo periodo difficile della pandemia e, da alcune settimane, per la guerra in Ucraina.

E’ da poco finito il periodo di Carnevale ed

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è VALERI-CIGNI-ALAIMO-MENGONI-1024x768.jpg

abbiamo voluto fare un reportage su quello più noto, il Carnevale di Venezia, con Arianna Cigni ed ascoltare due rappresentanti della Fondazione del Carnevale di Viareggio: Andrea Mazzi (Conservatore Museo Carnevale di Viareggio) e Moncia Guidi (Consigliera CdA Fondazione Carnevale di Viareggio). Insieme a loro il noto e tra i più antichi Carnevali d’Italia: quello di Ronciglione. In studio il sindaco Mario Mengoni ed il presidente della Proloco Tommaso Valeri. Ospite, per il Carnevale viterbese, Lucio Matteucci, uno degli organizzatori.
A Venezia lo sfarzo e la bellezza delle maschere e dei vestiti si uniscono con la tradizione millenaria del Carnevale più conosciuto d’Italia. Gli esponenti del Carnevale di Viareggio hanno, invece, voluto fare un bilancio dell’edizione 2022 che, seppure in forma ridotta, ha riportato in piazza i carri allegorici tra i più belli d’Italia. Mazzi e Guidi hanno parlato del lavoro costante per la realizzazione dell’evento. Il sindaco Mengoni ha in parte polemizzato, d’accordo con Matteucci, dello stop forzato dalle autorità locali ai carri mascherati, fatto invece non avutosi in tanti più blasonati e ricchi Carnevali italiani e ricordato, con Valeri, il lavoro che porterà ad una ripresa totale nel 2023. Matteucci ha ricordato come dal 2017 il Carnevale viterbese ha trovato nuova linfa dopo anni ed anni di stop.

L’approfondimento sulla situazione della guerra in Ucraina ha visto l’intervento di Alina Onachyshych, coordinatrice degli aiuti al popolo ucraino da Viterbo. Alina ha parlato dei tanti autobus carichi di viveri, medicinali e cibo a lunga conservazione, che sono inviati in Ucraina e criticato fortemente i bombardamenti russi nelle zone delle centrali nucleari: il rischio è una catastrofe.

Nella seconda parte è stata la volta della rubrica “A tutto teatro e spettacolo” di Arianna Cigni: sono stati ospiti l’attrice Maria Luce Pittalis e i registi ed attori Francis Monet e John Klaus.


Per le rubriche tematiche è stata la volta di “Pane e Cinema” di Maddalena  Menza, “La nave volante” di Massimiliano Max Scuderi, Mariagiovanna Elmi ed Arianna Cigni e “Il mondo di Crimy” di Cristina Tagliente.