Il Don Pasquale al Teatro dell’Unione

NewTuscia – VITERBO – Dopo i successi de L’Elisir d’amore e Cavalleria Rusticana, l’Associazione XXI Secolo di Viterbo è pronta al debutto della sua nuova produzione: il Don Pasquale di Gaetano Donizetti il 18 marzo ore 21 e il 20 marzo ore 16.30 al Teatro dell’Unione per la stagione nata dalla collaborazione tra il Comune di Viterbo e ATCL Circuito multidisciplinare del Lazio, sostenuto da MIC – Ministero della Cultura e Regione Lazio.

Con la consueta direzione del M° Fabrizio Bastianini, la partecipazione dell’orchestra EtruriÆnsemble e dell’Ensemble vocale “Il Contrappunto”, diretto da David Barrios e la regia di Mariano Baudin.

I solisti che si alterneranno nelle repliche previste al Teatro Unione sono stati scelti tramite le selezioni della giuria della IX edizione del Premio Fausto Ricci, composta tra gli altri da Cecilia Gasdia e presieduta da José Carreras. Un premio lirico di levatura internazionale, in continua crescita, che ha dimostrato di sapere essere un ottimo trampolino di lancio per futuri talenti.

Questo Don Pasquale è anche il prologo di OperÆtruria, il Festival che ha riunito per il tramite dell’Associazione XXI secolo i teatri di Viterbo, Rieti, Civitavecchia, Chiusi e Orvieto, un “circuito lirico” che, fin dal suo debutto, coinvolge i più bei teatri del centro Italia.

Oltre alle scene curate da Nicola Rubertelli, i costumi di Marianna Carbone e l’assistenza alla regia di Marjolaine Uscotti, la produzione vede le collaborazioni dell’istituto Francesco Orioli di Viterbo, della Scuola musicale comunale e del Liceo musicale Santa Rosa.

Il trucco e parrucco è di Andrea Marchi, il light designer è Luigi Della Monica.

Le ultime fasi della produzione saranno ospitate presso il Teatro Unione, grazie al patrocinio del Comune di Viterbo all’interno della programmazione curata da Atcl.

È adeguatamente stato rilevato dalla musicologia più prestigiosa che il Don Pasquale di Gaetano Donizetti rappresenti un inedito esempio di nuovo stile di “Opera comica” post rossiniana, e si colloca come anticipatore di Offenbach, del Verdi di Falstaff, e sul Puccini di Gianni Schicchi. Non più solo commedia, ma importanti e nuovi elementi drammaturgici: il dramma individuale del vecchio protagonista, non più un vecchio Pantalone gabbato, che spera ancora di poter impalmare un’avvenente e quanto mai giovane mogliettina; il gusto di un teatro Boulevardier che tocca scandalosamente nuovi temi quali l’adulterio e il divorzio; una nuova drammaturgia musicale attenta al mutare dei gusti e delle mode e che nel genere comico era pronto ad attivarsi rispetto ad un nuovo melodramma, che, a partire dalla seconda metà dell’Ottocento, non si articolava più sull’aria staccata, o sul pezzo d’assieme di chiusura d’atto.

L’allestimento rileva gli elementi musicali e drammaturgici che rimandano curiosamente ad un humus culturale posteriore a quello donizettiano, in particolare al clima belle époque-fine secolo delle opere di Jacques Offenbach appunto, o di Hervé.

In questa prospettiva, si spiegano più chiaramente le soluzioni estetiche dell’allestimento: dal punto di vista delle scene, realizzate da Nicola Rubertelli, è evidente la presenza di una enorme “macchina” rotante che rivela un doppio  stile, da una parte ancorato a un tardo Ottocento, e dall’altra un chiaro ambiente futurista, due mondi e due epoche chiaramente lontani dal tempo, elementi linguistici di stili architettonici che mettono l’accento di quell’elemento drammaturgico che attraversa la vicenda e i personaggi del “Don Pasquale”, ovvero l’angoscia del tempo; e ancora, i bei costumi di Marianna Carbone in sintonia con questa lettura che vuole apparire elegantemente ottocentesca per il personaggio di Don Pasquale, o completamente moderna per il personaggio di Norina che pare uscita dal Grande Gatsby; infine, l’interpretazione, spesso ironica fino al surreale – soprattutto per i personaggi del dottor Malatesta e del Notaro – , che sembrano riferirsi a un mondo rievocato da una fantastica dissonanza tra My Fair Lady e l’estetica dannunziana; una regia che si costruisce su gesti ed atteggiamenti che rimandano a una nuova società borghese, un nuovo pubblico melodrammatico che stava dimenticando come si rideva, e, come ci si prendeva poco sul serio.

(Mariano Bauduin)

Venerdì 18 marzo, ore 21 e domenica 20 marzo, ore 16.30

Il Don Pasquale al Teatro dell’Unione

Opera lirica di Gaetano Donizetti

con

Francesco Leone \ Gaetano Merone             Don Pasquale

Fabrizio Brancaccio \ Matteo Guerzè            Dottor Malatesta

Gesua Gallifoco \ Airi Sunada            Norina

Shengzu Ou \ Marzo Puggioni                       Ernesto

Filippo Malvezzi                                             Un notaro

Maestro concertatore e direttore: Fabrizio Bastianini

Regia: Mariano Bauduin

Scene: Nicola Rubertelli

Orchestra EtruriÆnsemble

Coro Ensemble vocale “Il Contrappunto”

Direttore del coro David Barrios

Costumi: Marianna Carbone

Trucco e parrucche: Andrea Marchi

Assistente: Marjolaine Uscotti

Light designer: Luigi Della Monica

Produzione Associazione XXI Secolo

Biglietti

PLATEA: POLTRONISSIMA

Intero € 40,00 + 2,50 prev. – Ridotto € 38,00 + 2,50 prev.

PLATEA: POLTRONA

Intero € 30,00 + 2,50 prev. – Ridotto € 28,00 + 2,50 prev.

PALCHI: 1A fila

Intero € 20,00 + 2,00 prev. – Ridotto € 18,00 + 2,00 prev.

PALCHI: 2A fila

Intero € 10,00 + 1,00 prev. – Ridotto € 8,00 + 1,00 prev.

Teatro dell’Unione, piazza Giuseppe Verdi – Viterbo

La biglietteria del Teatro è aperta dal martedì al sabato e nei giorni di spettacolo, con orario

10.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00.

Biglietti acquistabili online su TicketOne a partire dal 25 febbraio.

Obbligo di Green pass rafforzato e mascherina ffp2.

Per informazioni www.teatrounioneviterbo.it – Tel. 388.95.06.826 – teatrounioneviterbo@gmail.com

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21