Scatolini: “Disservizi a non finire, per Montalto e Pescia Romana”

NewTuscia – MONTALTO DI CASTRO – Dopo il pensionamento del Dott. Di Stefano gli assistiti circa 1500 si sono ritrovati senza medico da un giorno all’altro con disagi e disservizi legati all’assistenza. Poi altro disagio e disservizio e’ avvenuto il giorno 16 febbraio dove I pazienti del medico andato in pensione sono andati al CUP in fila al freddo per ore e dopo l’arrivo dell’operatore sono stati avvisati che la connessione internet non funzionava per cui in molti sono andati al CUP di Tarquinia.

Speravamo che i disagi fossero terminati o almeno attenuati ma invece eccone subito un ‘altro:

La Dott.ssa appena entrata in servizio non può prendere più di 600/650 quindi per chi vuole fare la scelta non può farlo e gli assistiti, di fatto circa  800, rimangono fuori  senza medico.

L’altra Dott.ssa sarà presente dal 16 febbraio solo il martedì dalle ore 8.00 alle ore 12.00 a Montalto mentre gli altri giorni sarà presente a Pescia Romana.

Quindi i pazienti e più di tutti gli anziani come faranno?

Molti cittadini ci hanno avvisato che hanno difficoltà a contattare telefonicamente i medici.

Tutto questo è inaccettabile visto l’emergenza che stiamo vivendo legata al covid dove è necessario un rafforzamento delle cure primarie per curare e assistere i cittadini.

Chiediamo a gran voce un intervento da parte del sindaco, per porre fine a tutti ciò, un intervento rapido e’ richiamare i medici in pensione per dare supporto affiancando i medici in servizio e nello stesso tempo adoperarsi affinché questi disagi cessino per il bene e la salute della popolazione.

Daniela Scatolini

Presidente di Uniti per Cambiare