Settori ristorazione, abbigliamento e non food: avanti piano

NewTuscia – ROMA – L’Osservatorio permanente Confimprese-EY sui consumi di mercato analizza i dati di dicembre 2021 sullo stesso mese 2020 e fa emergere un quadro in miglioramento con una chiusura pari a +46% sul 2020, che era stato impattato molto negativamente dalle restrizioni, ma a -12% vs 2019 in linea con il trend registrato nel periodo giugno-novembre, ovvero dopo l’allentamento delle restrizioni Covid.

Il progressivo anno mostra comunqueun +17,5% vs 2020, ma ancora un pesante gap sul 2019 pari a -22,7%, confermando le difficoltà di ripresa del retail.

Forti le differenze fra settori di attività. La ristorazione, anc

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è coronavirus-ristorante.jpg

he grazie alla volontà degli italiani di tornare alle abitudini di vita pre-Covid, mostra nel 2021 la ripresa più dinamica vs 2020 con un +22%.Meno brillante il comparto abbigliamento-accessori, che mette comunque a segno +15% sempre rispetto al 2020. Tuttavia, il benchmark sul 2019 registra ancora per entrambi i settori un profondo rosso con la ristorazione a -29% e abbigliamento-accessori a-26%.

L’unica nota positiva arriva dal retail non food, che ha praticamente riconquistato i livelli pre- pandemia e chiude dicembre a +20,5% su dicembre 2021 e +19% sul totale 2020, questo consente al comparto di chiudere il gap vs il 2019 che si riduce al -1,7%, e dove alcune merceologie quali il mondo casa e tecnologia sono in crescita rispetto a due anni fa.

Quanto ai canali di vendita, il travel mostra un trend sempre più critico con -44% vs 2019, ma anche i centri commerciali rimangono ben lontani dai livelli pre-pandemia a -30%. Confermata la preferenza dei consumatori, in relazione a nuovi modelli di vita, per le location di prossimità (cittadine di provincia e periferie metropolitane) che con un -11,3% si posizionano ben 12 punti percentuali meglio della media Paese.

Nelle aree geografiche è sempre il Sud a soffrire meno, sia nel mese -4,5% su dicembre 2019 sia nel totale anno -14% vs 2019. L’area Centro chiude dicembre a -9,4% e il progressivo anno vs 2019 a -22%. Il Nord-ovest fa segnare rispettivamente -13,8% e -24%. Gli andamenti peggiori si registrano nel Nord-est con un mese di dicembre a -19,8% e un progressivo anno a -24,2%.

«L’anno 2021 – chiarisce Mario Maiocchi, direttore Centro studi Confimprese – chiude in linea con le nostre stime a +17% vs 2020 ma con un pesante gap del -22,7% ancora da recuperare vs 2019. Anche le prime proiezioni dell’avvio di gennaio non segnalano nulla di positivo. Oltre all’inflazione in costante accelerazione e il caro bollette che bloccano gli acquisti, a parte quelli di prima necessità, anche l’impatto della pandemia, che costringe a stare in casa, conferma una situazione di forte instabilità che frena i consumi. Da notare il brusco rallentamento avvenuto nelle ultime due settimane di dicembre con i flussi dei centri commerciali rispettivamente a -27% nella quarta settimana e a -35% nella quinta rispetto al -18% delle settimane precedenti. Ciò ci fa prospettare la ripresa non prima del 2023».

Paolo Lobetti Bodoni, consulting market leader di EY in Italia, commenta: «Abbiamo assistito a un dicembre 2021 che rispetto al dicembre 2020, quando erano in vigore misure di contenimento dell’emergenza pandemica, ha confermato un graduale ritorno agli acquisti, e in generale una volontà di tornare alle abitudini di vita pre-pandemia. Nonostante questo quadro in miglioramento, il mese di dicembre 2021 registra ancora un gap di 12 punti rispetto all’anno scorso. Scendendo più nel dettaglio, i centri città, che l’anno scorso avevano beneficiato delle restrizioni sui centri commerciali, quest’anno hanno registrato il trend meno dinamico a +6% dato che i consumatori sono tornati a fare acquisti nei centri commerciali a +67%».

Analisi principali regioni

Alla luce dei dati di consumo fotografati dall’Osservatorio mensile Confimprese-EY e in conseguenza ai dati Istat di dicembre, che riferiscono un’inflazione al +0,4% su base mensile e al 3,9% su base annua, è necessario fare il punto sui trend delle singole regioni, che nel corso nel 2021 hanno registrato un continuo up&down dei consumi, dovuto al clima di incertezza sull’effettiva ripresa economica e di paura legata all’emergenza sanitaria.

Nel raffronto del totale anno 2021 sull’anno 2019 le regioni che hanno mostrato i trend migliori sono la Campania col -15,8%, Calabria con il -11,4% e la Puglia -8,8%. Altre regioni con trend peggiori hanno dovuto rinunciare a gran parte degli incoming stranieri e dei top spender cinesi e americani, puntando sul turismo locale concentrato soprattutto nel periodo primavera-estate. Le rilevazioni dell’Osservatorio Confimprese-EY evidenziano una forbice piuttosto ampia tra il Sud, che ha sofferto meno rispetto al Centro, ma soprattutto al Nord-Est e al Nord-Ovest. Inoltre, al Sud ci troviamo alla vigilia di una potenziale nuova stagione di crescita grazie alla riserva del 40% a favore del Meridione per tutti gli interventi finanziati con il PNRR. Gli analisti stimano una crescita del 12% del Pil meridionale nei prossimi tre anni, meno del Centro-nord che dovrebbe raggiungere un +16%. Il divario fra le due macroaree italiane continuerebbe ad aumentare, ma un rimbalzo del Sud sarebbe un ottimo risultato per l’intero Paese.

Analisi principali regioni – benchmark totale anno 2021 vs anno 2019

Nel ranking delle regioni con valori più bassi si conferma il Veneto che, con -30,9%, paga un prezzo alto alla mancanza di turismo culturale, legato soprattutto a Venezia, e marittimo con le località sul mare e sui laghi. A pochi punti percentuali di distanza, -29,2%, c’è l’Umbria, regione nota per le sue città medievali, paesaggi naturali e l’enogastronomia. L’Emilia Romagna è la terza peggiore regione con una performance del -28,1%, seguita da Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia a 27,4%. A sorpresa la Toscana, che durante il lockdown è stata tra le peggiori con punte del -64% a maggio 2020 vs maggio 2019, chiude l’anno 2021 a -26,2% vs 2019. Si prosegue nel centro Italia con le Marche -25,9%. In Nord-ovest piazza nelle top ten 3 regioni: Piemonte -25,5%, Liguria -24,1%, Lombardia -23,5%. La Sardegna, sia pure icona la bellezza del suo mare, non riesce a recuperare posizioni e chiude l’anno a -20%, il Lazio a -18,9% e l’Abruzzo a -17%. La Sicilia chiude a -16%.

Analisi per città

Anche l’analisi per città rileva trend positivi nel periodo dicembre 2021 vs dicembre 2020. Ad aggiudicarsi il primato troviamo Venezia che chiude a 94%. Seguono Verona (87%), Firenze (80%), Genova (61%) e Napoli (45%). Tra le città con trend di crescita minori ci sono Torino (26%) e Milano (27%). Roma, Palermo e Bologna registrano trend positivi rispettivamente al 40%, 41% e 42%.

Analisi principali province

Nell’analisi per province nell’arco temporale dicembre 2021 vs dicembre 2020 spiccano sul podio quella di Caserta (107%) sede di importanti centri commerciali e Firenze (100%) che ha rivisto il turismo. Seguono Venezia (88%), Brescia (82,5%), Verona (82%), Udine (78%) e Napoli (64,8%). Fanno registrare un trend positivo anche le province di Padova (59%), Genova (57%), Bari (56%) e Catania (51%). Le province di Bologna e Bergamo si attestano a 48,5% seguite da Milano (46,6%), Monza e della Brianza (45%), Roma (41%) e Novara (40%). Varese è quella che rileva il trend peggiore, benché sempre positivo come valore, con un 20,3%.Poco distanti si posizionano le province di Torino (34%) e Palermo (37,5%).

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21