Atto intimidatorio contro Nicolai gravissimo: la solidarietà di Ciambella

NewTuscia – VITERBO – Sono rimasta molto turbata leggendo la notizia dell’incendio che ha coinvolto un capannone del sindaco di Tessennano Ermanno Nicolai. Sull’episodio sono in corso le indagini, ma se è vero come sembra che si tratta di un atto intimidatorio, allora credo che nella nostra provincia sia arrivato il momento di chiamare all’unità tutte le forze politiche per mandare un messaggio forte e chiaro: i sindaci e i nostri amministratori non sono soli. Chi minaccia o intimidisce un amministratore locale, minaccia una intera comunità e quel bene comune che si chiama democrazia.

Già l’anno scorso abbiamo dovuto registrare fatti altrettanto gravi, ai danni di altri amministratori, di destra e di sinistra. La provincia di Viterbo figura ogni anno ormai nel rapporto “Amministratori sotto tiro” realizzato dall’associazione Avviso Pubblico.

In una società sempre più globale come quella attuale, a volte perdiamo quasi il contatto con quanto avviene nei paesi vicini al nostro. Quello che è successo a Tessennano deve invece indignare ogni cittadino della Tuscia.

Al sindaco Nicolai, ovviamente, tutta la mia solidarietà e il mio sostegno.

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21