L’amministrazione comunale di San Lorenzo Nuovo celebra i neomaggiorenni

NewTuscia – SAN LORENZO NUOVO – I neomaggiorenni di questo e dello scorso anno si sono presentati ufficialmente al paese alla presenza dell’amministrazione comunale, riprendendo la tradizione inaugurata a San Lorenzo Nuovo nel 2019 “con l’intenzione di sottolineare adeguatamente l’accesso al nuovo “status” di questi ragazzi, con tutti i diritti, doveri e partecipazione attiva alla comunità che ciò comporta oltre che per cementare uno spirito di gruppo tra coetanei dello stesso paese.”

Le classi del 2002/2003 si sono riunite ancora una volta ufficialmente come l’ultimo giorno di terza media, accolti dal sindaco Massimo Bambini in primis, nella Sala San Giuseppe, messa disposizione dal parroco don Daniele per l’occasione in quanto spaziosa e particolarmente atta ad ospitare un numero alto di persone nel rispetto delle norme anticovid, soprattutto il distanziamento.

L’evento, come le precedenti celebrazioni, quali l’istituzione delle borse di studio, la cerimonia dei neo-laureati e la presentazione dei neo-nati dell’anno, si colloca nell’ambito dei festeggiamenti per il Natalea sua volta all’interno del progetto “Nuove Tradizioni di … Dicembre organizzato dal Comune di San Lorenzo Nuovo in collaborazione con altre realtà associative del territorio e con un contributo economico della Regione Lazio.

Ad ogni ragazzo e ragazza, alla fine dell’incontro è stato consegnato da parte del Comune un piccolo diploma del raggiungimento della maggiore età, un modo per far riflettere i nuovi cittadini sui vari aspetti che la maggiore età comporta, con oneri e onori, non ultima la considerazione che mentre prima rispondevano legalmente i genitori, adesso si acquista un peso diverso di fronte alla legge.

Più indipendenza dunque da un lato comporta una conseguente crescita di responsabilità; un aspetto che spesso passa in secondo piano rispetto all’entusiasmo di prendere la petente di guida e ottenere orari di rientro a casa più elastici. La manifestazione organizzata sottolinea questo punto nodale e nel farlo da un caloroso benvenuto e appoggio ai nuovi membri del paese sottolineando la vicinanza delle istituzione che non dovrebbe mai mancare ai giovani per affrontare con sicurezza la nuova, sottilmente diversa, realtà continuando a mantenere i propri sogni.