Scegli il Liceo Artistico “F. Orioli”: la scuola giusta per progettare il tuo futuro

NewTuscia – VITERBO – Le prospettive formative contemporanee devono rappresentare una efficace risposta alle esigenze
educative ed alle richieste lavorative ed impiegatizie di un determinato contesto territoriale e
sociale. Le necessità che si rilevano in questo duplice ambito di interesse hanno subìto una decisa
modificazione nel tempo. Sono cambiate le caratteristiche dell’utenza scolastica e decisamente
diversi risultano i profili didattici funzionali all’inserimento nel mondo del lavoro. Progresso e
modernità suonano quali parole d’ordine, ma palesano l’evidenza di un crescente divario con
l’aspetto, spesso, teorizzante di un’istruzione intesa in senso tradizionale. I tratti distintivi di un
indirizzo pedagogico all’avanguardia impongono, invece, l’organizzazione di un ambiente
educativo che accolga e istruisca idoneamente le nuove generazioni di studenti.

La didattica deve essere specchio del tangibile per evitare di rendere la scuola completamente staccata dalla realtà. Il
salto qualitativo determinante riguarda la capacità di colmare questa differenza e il bisogno di
portare concretezza e risultati nella dimensione formativa odierna. Occorre, infatti, creare ed
assicurare una reale rispondenza tra mondo della scuola e mondo del lavoro.
In questo senso, il Liceo Artistico di Viterbo, sito in Via Cesare Pinzi n. 44, organizza il proprio
curricolo per rispondere alle esigenze presentate attraverso un’offerta formativa che assicuri una
preparazione altamente qualificante e performante e garantisca reali opportunità e sbocchi
professionali. Il percorso educativo curricolare prevede, dopo un primo biennio comune,
l’opportunità di scegliere tra gli indirizzi ‘ Design’ , ‘ Grafica’ e ‘ Scenografia’ che forniscono
un’ampia formazione di base ed una qualificata preparazione d’ambito. Le specializzazioni triennali
sono, comunque, anticipate da abilità e competenze acquisite nel primo biennio attraverso un
impegno al saper fare costruito in attività di creazioni plastiche, produzioni pittoriche, descrizioni
geometriche, propedeutiche e fondanti gli apprendimenti successivi.
Le acquisizioni maturate nel quinquennio consentono ai nostri alunni di leggere e interpretare la
realtà con atteggiamento critico, razionale, creativo e progettuale. Il progetto educativo proposto
risponde al principio dell’imparare facendo che favorisce un apprendimento significativo, basato
sulla padronanza di specifiche competenze (ornato, modellato, rilievo pittorico, rilievo plastico,
rilievo geometrico, progettazione bidimensionale e tridimensionale, ideazione scenografica ed
organizzazione scenotecnica, padronanza delle capacità in ambito grafico) che, calate in un contesto
reale, si traducono in un processo autentico e funzionale che crea futuro lavorativo. Infatti, un
diplomato al Liceo Artistico può impiegarsi presso: aziende, istituti ed enti pubblici e privati
interessati ai Beni Culturali, archeologici, storico-artistici, musicali, archivistico-librari,
etnoantropologici e ambientali paesaggistici (Musei, Biblioteche, Archivi, Parchi archeologici, Enti
locali, Ministeri ed Uffici di Sovrintendenza). È preposto a funzioni d’opera nel mondo della cultura
e dell’editoria, nell’ambito della moda, delle arti figurative, della decorazione, delle arti visive, della​
comunicazione, del fumetto, del restauro. È, altresì, possibile diventare un progettista di interni, un
decoratore, uno scultore, un tecnico della programmazione televisiva, dell’animazione, del teatro,
come addetto alla scenografia e quale operatore di audio e video. Nel campo del web si può lavorare
come grafico, web designer, fotografo, ideatore e disegnatore in digitale.
L’esperienza e la dedizione del dirigente scolastico, Simonetta Pachella, rendono il Liceo Artistico
un vero e proprio volano di opportunità. La consapevolezza del profondo cambiamento di cui
necessita il mondo della scuola guida le scelte dirigenziali in un’ottica di realismo, di qualità e,
appunto, di una concretezza prolifica di futuro. A ciò concorrono le numerose attività progettuali,
interne e rivolte all’esterno, e le attività dei PCTO che flessibilizzano e specializzano i processi e le
attività curriculari, facilitando e veicolando i rapporti e le derivazioni tra pratica didattica e contesti
di mestiere. Gli alunni si cimentano in attività di stage, project work, pratica in azienda, che
perfezionano specifiche competenze e che diventano momento di prova e di visibilità per studenti
che vedono realizzarsi, molto frequentemente, la possibilità di trasformare isolate esperienze
lavorative in duraturi rapporti di collaborazione professionale.
Il Liceo Artistico, con la propria e specifica vocazione laboratoriale, rappresenta, inoltre, certezza di
modernità ed offre, a tutti gli alunni, la possibilità di un ambiente educativo nel quale ci si possa
esprimere ed essere protagonisti, nel pieno rispetto delle vigenti normative per la tutela della salute
degli utenti e dei lavoratori derivanti dall’emergenza epidemiologica in corso. La didattica
laboratoriale è peculiarità distintiva del Liceo Artistico che vede l’interezza della formazione
disciplinare improntata su percorsi caratterizzati da mobilitazioni di competenze artistiche e
professionali concrete.


Nei Laboratori di Grafica e Fotografia vengono insegnate le tecniche fotografiche e le tecniche
grafiche computerizzate: Adobe Photoshop, Adobe Illustrator, Adobe InDesign, Adobe
Dreamweaver, Adobe Premiere, Adobe After Effects, Thinkercad, Rhinoceros. Gli studenti
dispongono, altresì, di un Set Fotografico con attrezzatura per fotografie di alta definizione e set per
video di carattere cinematografico e per spot televisivi. L’insieme è provvisto di tavolo Still Life,
luci professionali e fondali di alto livello fotografico, televisivo e cinematografico.
Nei Laboratori di Design gli alunni sono guidati nell’identificazione di tecniche e tecnologie per
definire un progetto grafico di prototipi e di modelli tridimensionali. Gli studenti danno vita a nuove
produzioni seguendo nell’interezza il processo di ideazione, di raffigurazione cartacea, di
trasposizione digitale e realizzazione del prototipo attraverso specifici applicativi per la
modellazione 3D di superfici plastiche (Rhinoceros V 5, Thinkercad, AutoCAD 2D e 3D).
Nei Laboratori di Scenografia gli alunni impiegano in modo appropriato le principali tecniche e
tecnologie grafico-pittoriche, plastico-scultoree e geometriche necessarie all’ideazione e alla
realizzazione dello spazio scenico. Gli studenti imparano a gestire le superfici da adibire in funzione
dello scopo e realizzano creazioni, bidimensionali e tridimensionali, partendo da una specifica
ricerca di equilibrio formale ed artistico, spendibile in campo teatrale, televisivo, cinematografico.
Si utilizza la stampante 3D (processo di produzione additiva per sinterizzazione laser selettiva) ed
un applicativo per la modellazione 3D di superfici plastiche (Rhinoceros V 5).
La scuola, inoltre, è dotata di Laboratori sperimentali per la disabilità che raccontano di un contesto
educativo che fonda il proprio operato sulla ricerca di uno spazio integrato del sapere che garantisca
una reale inclusione. In questo senso, il Liceo Artistico rappresenta un vero e proprio modello sul
territorio, una realtà in cui docenti qualificati e volontà dirigenziale si combinano per creare
un’offerta formativa che risponda alle necessità di ‘tutta’ la popolazione studentesca, in particolar
modo degli alunni con specifiche difficoltà che, quotidianamente, sviluppano competenze e
relazioni. L’educare all’inclusione diventa dunque, una prassi spendibile in tutte le direzioni
dell’insegnare, nella prospettiva di una perenne formazione verso la piena integrazione. ​