Nuova bonifica del centro nucleare batteriologico e chimico del lago di Vico

NewTuscia – RONCIGLIONE – E’ iniziata una ulteriore bonifica del Centro Nucleare batteriologico e chimico situato in prossimità delle rive del lago di Vico, brutta eredità lasciata a Ronciglione dalla dittatura fascista. Finalmente dopo varie richieste, da più parti fatte, sembra che la soluzione definitiva sia vicina. Restituire il terreno bonificato alla collettività è un fatto importantissimo per Ronciglione che potrà utilizzarlo per lo sviluppo del turismo ambientale e sportivo.

I vincitori di questa lunga battaglia sono i cittadini che hanno appoggiato anche le nostre rivendicazioni che come coordinamento nazionale bonifica armi chimiche abbiamo svolto negli anni ed è a loro che va il nostro ringraziamento.

Ci saranno anche altri che giustamente o impropriamente si attribuiranno meriti sperando di lucrare con questo vantaggi politici. Da parte nostra siamo contenti che siano ripresi i lavori dei militari e della ditta incaricata. Speriamo soltanto che la bonifica sia reale e definitiva. Non vengano, cioè, tolti soltanto  i residuati bellici, come già fatto in precedenti bonifiche, ma anche eliminati  completamente dal terreno gli inquinanti, con una vera bonifica ambientale.

Per ora restiamo in trepidante attesa della dichiarazione che la bonifica ambientale sia stata completata. Solo allora sarà grande la nostra soddisfazione per aver contribuito alla valorizzazione del territorio e del lago di Vico.

Raimondo Chiricozzi

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21