Il sostegno della Delegazione Viterbo – Rieti alla Staffetta di Santa Fermina

NewTuscia – VITERBO – Grande festa anche quest’anno tra Civitavecchia e Amelia per la Santa Patrona di entrambe le città. In particolare in questo 2021 ricorre il trentennale della Staffetta di Santa Fermina, una tradizione popolare, ripresa giusto trenta anni fa, che esalta la spiritualità delle due Città attraverso un apprezzabile gesto atletico degli staffettisti, che percorrono in poche ore più di 100 km trasportando la fiamma che accende i ceri votivi nella Cattedrale di Amelia.

La Delegazione di Viterbo-Rieti dell’Ordine di Malta Italia, come sempre, non ha fatto mancare il proprio supporto a tale attività e Cavalieri, donati e volontari, mossi dal più genuino spirito melitense, hanno accompagnato questo tradizionale trasporto sostenendo l’aspetto logistico e quello sanitario.

La staffetta di Santa Fermina è partita dalla Cattedrale di Civitavecchia dopo la benedizione del parroco Mons. Cono Firringa, cappellano magistrale della Delegazione e ha fatto tappa alla Basilica Santuario di Santa Maria della Quercia a Viterbo, accolta dal parroco don Massimiliano Balsi, cappellano capo della Delegazione. Proseguendo per Orte gli staffettisti sono infine giunti al Duomo di Amelia per la solenne Celebrazione Eucaristica, alla quale insieme alle autorità civili e militari, ha partecipato una rappresentanza di Cavalieri e Volontari della Delegazione di Viterbo-Rieti e del Gruppo Terni del CISOM.  

Delegazione Viterbo -Rieti
Ordine di Malta Italia