Luca Nannipieri al Colle del Duomo di Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Domenica 5 dicembre, alle ore 17.30, presso la Sala delle Madonne del Museo del Colle del Duomo di Viterbo, Archeoares ospiterà lo storico e critico d’arte Luca Nannipieri, che presenterà il suo ultimo libro dal titolo “Il destino di un amore. Tiziano Vecellio e Cecilia”, edito da Skira.

Un appassionante romanzo sui misteri che si celano dietro uno dei più potenti quadri del Rinascimento, divenuto emblema eterno di bellezza: la Venere che Tiziano dipinse nel 1538.

Al centro della narrazione l’amore tra Tiziano Vecellio, uno degli artisti più acclamati del suo tempo, e la moglie, Cecilia Soldani. Lei, incinta del suo terzo figlio, ha una gravidanza complicata: vuole abortire per continuare ad amare il pittore, che invece vuole fortemente quella creatura. Dopo un lungo travaglio interiore, Cecilia muore, scegliendo di dare al mondo la bambina, Lavinia.

Da quel momento Tiziano, che fino ad allora aveva seguito solo soldi, gloria e celebrità, è devastato da quell’amore terribile e magnifico. Inizierà a cercare Cecilia nei suoi quadri, senza mai citarla, dipingendola con tutto l’amore che negli anni non è riuscito a darle. La Venere degli Uffizi conserva ancora segretamente, silenziosamente, la loro vita, quella vita che mai ebbero.

Il volume di Nannipieri anticipa la grande mostra “Tiziano e l’immagine della donna”, promossa da Skira editore, in collaborazione con il Kunst Historisches Museum di Vienna, che si terrà al Palazzo Reale di Milano dal 21 febbraio al 5 giugno 2022.

Luca Nannipieri è uno storico e critico d’arte e saggista italiano. Laureatosi all’Università di Bologna, ha tenuto conferenze nei maggiori musei italiani. Ha fondato “Casa Nannipieri Arte”, una casa d’arte, in provincia di Pisa, che realizza pubblicazioni e mostre d’arte contemporanea in Italia e all’estero.

Ha scritto di arte e cultura su settimanali e quotidiani, incentrando, nel corso degli anni, la sua riflessione sul rapporto tra la persona, le comunità e il patrimonio storico-artistico.

Ha curato e condotto la rubrica “SOS Patrimonio artistico” su Rai1, da cui è stato tratto il libro “Bellissima Italia”, pubblicato da Rai Libri e la rubrica “Capolavori rubati”, da cui Skira ha tradotto il libro omonimo. Spesso è ospite e invitato come critico d’arte nei programmi di Rai1, La7, Sky Tg24, Canale5 e RaiDue.

Per partecipare all’evento si consiglia la prenotazione ai seguenti contatti:

email  g.serone@archeoares.it

whatsapp   347 701 0187

Ingresso libero

Obbligo Green Pass