Avrebbe deviato e manipolato fondi per 130 mila euro destinati a Teleradiorte: il 28 gennaio nuova udienza contro 47enne ex collaboratore

NewTuscia – ORTE – Danni complessivi, da parte del presunto truffatore del gruppo radiotelevisivo Teletadiorte, di oltre 130 mila euro. E’ questo l’ammontare dei danni che, nel corso del processo che è ripreso nell’ultima seduta di venerdì al Tribunale di Viterbo davanti al giudice Roberto Cappelli, sarebbero addebitabili ad un ex collaboratore del gruppo presieduto da Ottavio Nicoletti ed avente a suo controllo l’emittente TeleOrte e relative frequenze e Radio Orte. Il gruppo è nato nei primi anni Ottanta ed è attualnente il più longevo in attività di tutta la provincia di Viterbo e con sede nel centro storico di Orte.

I fatti. Il collaboratore, che per anni ha avuto sia il controllo delle attività di Radio Orte che, secondo quello che risulta, accesso a conti ed atti amministrativi sensibili dell’associazione editore di Teleradiorte, avrebbe manipolato il conto destinatario delle provvidenze economiche destinate al gruppo radiotelevisivo ortano deviando in più anni. Sarebbero oltre 27 mila euro i soldi deviati per l’anno 2016 ed oltre 100 mila di soldi della Regione Lazio relativi a messaggi autogestiti riferiti a più anni di servizi di messaggi autogestiti. E’ stato il Pm Stefano D’Arma a chiedere, esattamente due anni fa, il rinvio a giudizio per il collaboratore, la cui attività prevalente di fatto, dentro il gruppo presieduto da Nicoletti, era quello di gestire le attività radiofoniche. Un reato, quello della truffa, che sarebbe quindi pluriennale e reiterato, ottenuto grazie ai rapporti diretti avuti con la direzione di Teleradiorte e, quindi, avuti agendo in malafede contro chi dava fiducia ad un collaboratore ormai parte integrante dello staff interno dell’emittente ortana.

Il processo proseguirà con un’altra seduta il prossimo 28 gennaio 2022 con l’interrogatorio della parte offesa, il presidente dell’associazione culturale, Ottavio Nicoletti, che dovrà ricostruire i rapporti avuti con il 47enne presunto truffatore seriale e le dinamiche che avrebbero permesso a lui di avere accesso ai dati sensibili e contabili dell’associazione e, quindi, di manipolare e deviare le provvidenze statali e i contributi regionali.

 

 

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21