Rassegna al rassegna al teatro Caffeina di Viterbo

TEATRO, MUSICA E DANZA AL TEATRO CAFFEINA DI VITERBO

NewTuscia – VITERBO – AR SPETTACOLI ha il piacere di presentare a Viterbo la rassegna TEATRO, MUSICA E DANZA, sei appuntamenti che abbracciano le principali forme artistiche contemporanee, pensati e realizzati per un pubblico ampio che desidera tornare a vivere il teatro, in sicurezza e senza rinunciare al grande fascino dello spettacolo dal vivo. La rassegna ha ottenuto il patrocinio del COMUNE DI VITERBO.

La proposta prevede il testo teatrale “puro” (PASSO A DUE), il teatro-canzone (CHIAMATEMI MIMI’), il balletto (OMAGGIO A GEORGE GERSHWIN), il concerto (HOTEL SUPRAMONTE), il one-man show comico (GRANDE, GROSSO E VACCINATO) e la performance (UN PASSATO SENZA VELI). Si tratta di spettacoli che hanno già affrontato il pubblico, suscitando vivi apprezzamenti per la qualità espressa e per la performance offerta dai protagonisti sul palco. Una proposta che volutamente abbraccia 6 diverse espressività artistiche, ognuna delle quali è in grado di incontrare “il” suo pubblico, farlo uscire dalla sala con il piacere di aver investito in cultura e di tornare finalmente ad affacciarsi alla normalità.

TEATRO CAFFEINA DI VITERBO, Via Cavour 9.

In scena – in data unica – dal 7 novembre 2021 al 5 febbraio 2022. Spettacoli del sabato alle ore 21; la domenica alle ore 17:30. Per ulteriori informazioni: telefono 3939041725 – 3923018173.

Prevendite: online (circuito ticketitalia.com) – Bistrot del Teatro (Via Cavour 9, a Viterbo. Tel. 3923018173) – Underground (Via della Palazzina 1, a Viterbo. Tel. 0761342987).

GLI SPETTACOLI

Domenica 7 novembre 2021, ore 17:30 PASSO A DUE di David Conati. Con Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti e con Isabella Giannone, Mariachiara Grasso e Vincenzo Persi. Regia di Francesco Branchetti. Musiche di Pino Cangialosi. Un viaggio tra le schermaglie amorose per osservare e immedesimarsi nell’evoluzione delle relazioni. Forse lo spettatore sarà in grado di capirne di più, di ripetere anche gli stessi errori, ma sicuramente più consapevole.

Domenica 12 dicembre 2021, ore 17:30 – OMAGGIO A GEORGE GERSHWIN coreografie di Tuccio Rigano. Con Art Dance Theater Ballet Company. Uno dei più grandi compositori del XX Secolo riceve un doveroso omaggio danzato che si ispira al suo immenso repertorio, nodo fondamentale del musical di Broadway e modello di tanti altri autori successivi. Sul palco si ripercorre lo spirito brillante, romantico, sognante e poetico di partiture che non conoscono battute di arresto.

Sabato 18 dicembre 2021, ore 21 – CHIAMATEMI MIMI’ di Paolo Logli. Con Claudia Campagnola e Marco Morandi. Regia di Norma Martelli. Produzione Palco Reale. La grandezza artistica e la fragilità umana di Mia Martini vengono raccontate a ruoli sorprendentemente invertiti: Marco Morandi ne interpreta le canzoni, mentre Claudia Campagnola la vita. Quello che ne esce è un delicato racconto teatrale, rispettoso e coinvolgente, ma anche un excursus musicale di un’Artista che avrebbe meritato di più.

Sabato 15 gennaio 2022, ore 21 – HOTEL SUPRAMONTE IN CONCERTO. L’omaggio a Fabrizio De André della band con riconoscimento ufficiale da parte della Fondazione De André continua con l’esecuzione integrale dell’album “non al denaro non all’amore né al cielo”, del quale ricorre il 50esimo anniversario. Non mancheranno inoltre quei grandi classici che hanno reso Faber l’icona fondamentale della musica di qualità italiana.

Sabato 29 gennaio 2022, ore 21 – GRANDE, GROSSO E VACCINATO di e con Dado. Il popolare attore comico torna ad “arrotolare le sue maniche leopardate” con il suo ultimo spettacolo. Tra canzoni e monologhi Dado racconta il suo divertente punto di vista, portando in scena il passato, il presente e il futuro di un uomo pronto a tutto per ottenere la libertà. Sì, ma da cosa? Non dal sorriso, almeno di quello del pubblico.

Sabato 5 febbraio 2022, ore 21 – UN PASSATO SENZA VELI di e con Giulia Di Quilio. Drammaturgia di Valdo Gamberutti. Costumi di Paola Stante. La performer, tra le più applaudite dive italiane del Burlesque, ne ripercorre la Golden Age con uno spettacolo incentrato sulla raffinata arte femminile della seduzione, dove nulla è mai lasciato al caso. Un viaggio tra lustrini, piume e lunghi guanti da sfilare, ma anche censure, scandali, dimenticanze e grandi rinascite.

Si ricorda che, ai sensi delle attuali norme contro il Covid, l’accesso alla sala è consentito ai soli spettatori in possesso di Green Pass e che durante la rappresentazione è necessario indossare sempre la mascherina.