Lettera aperta al dott. Mario Draghi per la grazia a Leonard Peltier

NewTuscia – Milano – Nepi – Viterbo, 17 ottobre 2021

Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,
l’Italia ospitera’ il 30 e 31 ottobre la riunione del G20 cui prendera’ parte anche il Presidente degli Stati Uniti d’America.
Vorremmo pregarla di cogliere quell’occasione per rappresentare al Presidente statunitense l’opportunita’ di concedere la grazia a Leonard Peltier, l’illustre attivista per i diritti umani e la difesa della Madre Terra nativo americano da 45 anni detenuto innocente, condannato per crimini che non ha mai commesso.
*
Come forse gia’ sapra’, il Presidente del Parlamento Europeo, l’on. David Sassoli, alcuni mesi fa ha annunciato pubblicamente la richiesta al Presidente degli Stati Uniti di concedere la grazia presidenziale che restituisca finalmente la liberta’ a Leonard Peltier.
La richiesta di grazia promossa dal Presidente del Parlamento Europeo e’ sostenuta da prestigiosissime personalita’ dell’impegno religioso ed istituzionale, morale e civile, culturale ed artistico, come Alessandra Algostino, Laura Boella, don Luigi Ciotti, Giancarla Codrignani, Marinella Correggia, Gregorio de Falco, Nando dalla Chiesa, Paolo Ferrero, Francuccio Gesualdi, Raniero La Valle, Gad Lerner, Sara Michieletto, Luisa Morgantini, Riccardo Orioles, Moni Ovadia, Daniela Padoan, Bianca Pitzorno, Graziella Proto, Anna Puglisi, Annamaria Rivera, Antonia Sani, Mao Valpiana, Guido Viale, padre Alex Zanotelli, e le Sindache ed i Sindaci di vari Comuni d’Italia come Abbadia San Salvatore, Aosta, Baveno, Bologna, Carrara, Chieri, Cuneo, Gorizia, Livorno, Monte San Pietro, Palermo, Pesaro, Pienza, Reggio Calabria, Soriano nel Cimino, Verbania, Vitorchiano.
La medesima richiesta di liberazione di Leonard Peltier e’ stata espressa gia’ da decenni dal Parlamento Europeo con due risoluzioni del 1994 e del 1999, da organizzazioni umanitarie come Amnesty International e Human Rights Watch, ed anche da personalita’ benemerite dell’umanita’ intera come Nelson Mandela, madre Teresa di Calcutta, Shirin Ebadi, Rigoberta Menchu’, Desmond Tutu, ed altri illustri Premi Nobel per la Pace.
*
Ignoriamo se lei gia’ conosca la vicenda di Leonard Peltier e ci permettiamo quindi di riassumerla brevemente.
Nato a Grand Forks, nel North Dakota, il 12 settembre 1944, attivista dell’American Indian Movement per i diritti umani dei nativi americani, nel 1977 fu condannato a due ergastoli in un processo-farsa sulla base di presunte prove e presunte testimonianze dimostratesi false; da allora e’ ancora detenuto, sebbene la sua innocenza sia ormai universalmente riconosciuta (gli stessi suoi accusatori e giudici responsabili della sua scandalosa ed assurda condanna hanno in prosieguo di tempo riconosciuto la sua innocenza ed ammesso che le cosiddette “prove” e le cosiddette “testimonianze” erano false).
Per ulteriori informazioni si veda di Leonard Peltier, Prison writings. My life is my sun dance, St. Martin’s Griffin, New York 1999 (in edizione italiana: Leonard Peltier, La mia danza del sole. Scritti dalla prigione, Fazi, Roma 2005); e tra le opere su Leonard Peltier: Peter Matthiessen, Nello spirito di Cavallo Pazzo, Frassinelli, Milano 1994; Edda Scozza, Il coraggio d’essere indiano, Erre Emme, Pomezia 1996; Michael Koch, Michael Schiffmann, Ein leben fur Freiheit. Leonard Peltier und der indianische Widerstand, TraumFaenger Verlag, Hohenthann 2016.
Si puo’ utilmente consultare anche il sito dell'”International Leonard Peltier Defense Committee”: www.whoisleonardpeltier.info
*
Egregio Presidente del Consiglio dei Ministri,
come ha scritto il Presidente del Parlamento Europeo, l’on. David Sassoli: “Human rights must be defended always, everywhere”, “i diritti umani vanno difesi sempre, ovunque”.
La liberazione di Leonard Peltier sarebbe una luminosa vittoria e una fonte di speranza per l’umanita’ intera, nessun essere umano escluso.
Confidiamo nel suo persuaso impegno e nell’ascolto che alla sua parola il Presidente statunitense certamente vorra’ prestare.
Augurandole ogni bene,
Andrea De Lotto, per il “Comitato di solidarieta’ con Leonard Peltier” di Milano
Antonella Litta, per la sezione “Emilio Sugoni” dell'”Associazione nazionale partigiani d’Italia” di Nepi
Peppe Sini, per il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo