Il Monterosi ingrana: seconda vittoria consecutiva e tris al Messina, D’Antoni può gioire

NewTuscia – VITERBO / Il Monterosi ingrana la seconda ed espugna il campo ostico di Messina, reti di Polidori, Costantino e Mbende

Il Monterosi fa sul serio. Dopo un inizio timoroso, con un Messina molto bravo a sfruttare l’ampiezza con il suo 3-4-1-2 con Baldè a creare scompiglio tra le linee, la squadra di mister D’Antoni ha comandato il match in lungo e largo, legittimando il passivo di due reti, 1-3 il risultato finale.

Dopo il primo quarto d’ora in cui la compagine di Sullo era sembrata più sul pezzo, con la posizione di Baldé che creava non pochi grattacapi alla formazione laziale, la squadra di D’Antoni ha comandato in lungo e largo il gioco, passando in vantaggio alla mezz’ora con Costantino, bravo a trovarsi al posto giusto nel momento giusto. L’attaccante ex Pro Vercelli, lasciato solo dalla retroguardia messinese, non si è fatto pregare, ribadendo in rete il vantaggio ospite.
Nel momento migliore del Monterosi però, arriva la doccia gelata allo scadere del primo tempo: Adorante raccoglie uno spiovente dalla trequarti e pareggia i conti con una zampata che fredda Borghetto. Al riposo si va sul risultato di 1-1, un parziale che non premia la grande voglia messa da Mbende e compagni, apparsi soldi ed equilibrati, dopo un primo quarto d’ora di sofferenza.

Il secondo tempo inizia a ritmi blandi, le due formazioni sono molto attente a non compiere errori, ma è proprio da uno di essi che nasce il vantaggio ospite: Costantino ruba una palla oltre la meta campo avversaria e serve Polidori che in contropiede porta in vantaggio i suoi, 1-2 e siciliani costretti a rincorrere.
La rete che taglia completamente le gambe alla squadra di Sullo arriva al 75′: Mbende con un movimento da attaccante vero, riceve palla spalle alla porta, si gira e con il destro la piazza all’angolino basso, Lewandowsky immobile e tris laziale completato.
Negli ultimi minuti di gioco, il Messina ci prova più con i nervi che con la forza delle idee, il gioco latita e il forcing risulta sterile e disordinato. Arriva così una vittoria importantissima per la compagine di D’Antoni, che legittima la prima meraviglia contro l’Avellino e lascia ben sperare per il futuro. Domenica allo stadio Rocchi sarà la volta della Paganese.

MESSINA (4-3-3): Lewandowski; Morelli, Mikulic, Carillo, Sarzi Puttini; Fazzi, Damian, Fofana; Baldè, Adorante, Vukusic.
Panchina: Fusco, Goncalves, Fantoni, Russo, Konate, Distefano, Busatto, Celic, Milinkovic, Rondinella.
Allenatore: Salvatore Sullo.

MONTEROSI (3-5-2): Borghetto; Rocchi, Mbende, Piroli; Adamo, Franchini, Di Paolantonio, Verde, Cancellieri; Polidori, Costantino.
Panchina: Alia, Buono, Ferri Marini, Luciani, Parlati, Nasini, Tonetto, Sdaigui, Buglio, Caon.
Allenatore: David D’Antoni.

MARCATORI: 32′ p.t. Costantino (MT), 42′ p.t. Adorante (ME), 11′ s.t. Polidori (MT), 30′ s.t. Mbende (MT).

Fonte foto: Pagina Facebook Monterosi Tuscia