Cala il sipario sulla quinta edizione de “La Via degli Artisti”

Riceviamo e pubblichiamo

NewTuscia – VITERBO – …dal libro del professor Aldo Bellocchio dell’Orioli, anche titolo allo spettacolo di apertura della V edizione de “la Via degli Artisti”.

Cala il sipario sull’evento ricco di arte, colori e un pizzico di follia nel centro di Viterbo, giunto alla V edizione. Che si è svolto il 2 e 3 Ottobre a Viterbo.

Facebook e gli altri socials sono stati inondati di foto e video di curiosi e partecipanti.

Nonostante la pioggia abbia testato la determinazione degli artisti, i tanti eventi nell’evento hanno avuto luogo come da programma con l’ultima presentazione di libro intorno alle 20:00 di domenica 3 ottobre.

Da via Roma fino a piazza San Lorenzo, da piazza del Gesù fino a tutta via san Pellegrino, artisti di strada, maghi, pittori, artigiani artistici e professionisti dell’improvvisazione, candelari e scultori, “goji patentati” ed improvvisati hanno sorpreso e meravigliato i tanti turisti capitati per caso ed i residenti della Tuscia.

Le attività commerciale testimoniano maggiori incassi ed i viterbesi sono stati felici di concentrarsi sull’arte e l’amore della propria città.

Molte le novità: i fiori regalati dal centro commerciale Tuscia in tutto il quartiere medievale, la squadra di scacchi neo promossa in serie B o l’associazione di Scherma di Viterbo, la diffusione in molte altre vie e piazze, l’estemporanea di tantissimi giovani Michelangelo e lo spray painting, dell’Apetto dell’associazione, in diretta da parte dei ragazzi dell’Orioli. Ma anche altre attività culturali in contemporanea, sia a Pianoscarano che itinerante. Anche la premiazione del Secondo Tuscia Muse Festival ed il premio una vita per l’arte alla Professoressa Cinzia Pace.

Impossibile citare uno ad uno, i più di 300 artisti accorsi.  Tutto è, come sempre, esaltato dalle magiche atmosfere medievali create dal peperino locale.

L’associazione omonima è orgogliosissima sia della partecipazione degli artisti che della reazione di tutti riassunta nella parole dell’assessore Laura Allegrini: “È bellissimo”.

Grazie dell’organizzazione, all’Istituto Orioli, al sindaco Giovanni Arena per il patrocinio e l’intervento a bordo dell’apetto. Agli assessori De Carolis e  Allegrini per la visita e ad A. Mancini che, con il presidente della Fondazione Carivit ha premiato la Professoressa Cinzia Pace.

 

Alla Prossima

Presidente dell’Associazione Giulio Della Rocca