Nostra intervista al direttore artistico Gian Maria Cervo sulla 25esima edizione del festival Quartieri dell’Arte

Stefano Stefanini

NewTuscia – VITERBO – Sarà ospite di chi scrive e di Gaetano Alaimo nella Puntata di questa settimana di Fatti e Commenti – in onda sugli schermi di  Teleorte e visibile sui siti www.Teleorte.it e www.newtuscia.it –  il drammaturgo e regista viterbese Gian Maria Cervo, direttore artistico  della  XXV edizione del Festival Quartieri dell’Arte con il  nuovo ciclo tematico “Festival, Città, Rivoluzioni”.

Tra il 18 settembre e il 14 novembre il programma 2021 sta spaziando  tra diverse strategie drammatiche e post drammatiche, conservando un ruolo centrale al territorio – con la sua storia e i suoi anniversari identitari – e alla polivocalità della creazione, da sempre cifra caratteristica e originale di questa manifestazione internazionale dedicata alla scrittura e al palcoscenico in tutte le sue forme: dall’arte performativa in senso classico alla cosiddetta “afformance art”, dal Teatro documentario al fake-non fake. A dare ulteriore senso alla parola Rivoluzioni contenuta nel titolo del ciclo tematico di Quartieri dell’Arte c’è il nuovo Progetto THE WAYS OF THE HEROES.

“L’uso del fake, per far riaffiorare un discorso e una riflessione che partono dalla storia per arrivare alla contemporaneità, lo si è osservato negli anni recenti in drammaturgie a vasta diffusione globale” – dichiara il Direttore artistico

Gian Maria Cervo illustrando il programma di quest’anno – “Si pensi, per fare un esempio su tutti al tarantiniano ‘C’era una volta a… Hollywood’. L’effetto sul lungo periodo di queste è tutto da monitorare e valutare.

E sulla base di queste valutazioni, Quartieri, propone, nel 450° anniversario della nascita di Caravaggio, una narrazione-trilogia-installazione sul pittore che in maniera più diretta e immediata può essere collegato al maestro lombardo Francesco Boneri, meglio conosciuto come Cecco del Caravaggio. A Bagnaia, dove Cecco realizzò l’unico affresco della sua vita, sarà in scena dall’1 al 13 novembre  il trittico CENERI/FRANCESCO BONERI OVVERO L’ANNO DRAMMATICO DEL 1613 A BAGNAIA/AMOR VICIT scritto da un collettivo di drammaturghi dal curriculum internazionale consolidato e emergenti di cui fanno parte Michele Altamura, Gian Maria Cervo, Loris Leoci, Fabio Marson, Aleksandros Memetaj, Fabio Pisano e Riccardo Tabilio a cui si aggiungono un gruppo di drammaturghi adolescenti formati dall’Associazione La Dramaturgie grazie al progetto Response Art, sostenuto dal Comune di Bari e materiali trovati inediti di Giovanni Testori.

Il trittico – che è in lavorazione in queste setttimane, diretto dai registi coreografi Ana Kostantinovic, Nina Nikolikj e con un cast che annovera attori di varia nazionalità (tra cui un gruppo di pluripremiati membri dell’ensemble del Teatro Nazionale di Macedonia) – sarà accompagnato da azioni promozionali eclatanti, blitz e provocazioni performative a sorpresa sul territorio (tutti realizzati nell’osservanza delle norme anti-COVID) che lasceranno un segno sulla piccola frazione del Comune viterbese, la cui concreta persistenza e perpetuazione dovrà costituire un impegno nei decenni a venire di chi avrà la responsabilità delle edizioni future del Festival.”

Si connettono a questa trilogia-installazione su Cecco e Caravaggio una serie di spettacoli in vari centri del territorio su figure simbolo della pittura caravaggesca sia visti in una prospettiva storica sia indagati nelle loro versioni contemporanee come i musicisti di strada ed estremi (“Lazzari felici” – 18 settembre, “Per Edith Piaf” – 1 ottobre), i pellegrini (“Racconti di un Pellegrino Rosso” -26 settembre) e le sex workers (“Togliatti mon amour”, 3 ottobre).

Michelangelo, Caravaggio, Shakespeare, Marlowe, Joyce e Bloom si legano anche allo spettacolo “A Shakespeare/Marlowe Digital Diptych” (8/17 ottobre), vincitore del bando “Vivere all’italiana sul palcoscenico” del Maeci, qui presentato in una versione con regia video del grande metteur-en-scene russo Nikolay Kolyada e performance live diretta da Riccardo Festa. Costituiscono infine variazioni sul tema di questa edizione di “Quartieri” gli spettacoli “Memorie di un ciabattino“, che apre la kermesse il 18 settembre a Celleno, con la giovane compagnia Anonima Teatri, “Mare Nero” (19 settembre), un progetto performativo-installativo su “Maria Stuarda” (24/30 settembre) e il dittico di commedie di Paolo Fallai (6 novembre), “Provvisorio per educazione” e “L’angoscia è il meno”, con la regia di Pierpaolo Sepe.

INFO E PRENOTAZIONI:

ufficiostampaquartieridellarte@gmail.com – www.quartieridellarte.it

Photo kit completo al link

https://www.dropbox.com/sh/v643drn6k8nln2x/AADXM8jx2OItp9yJ2Xf44zFHa?dl=0

Programma di settembre 2021

DA VENERDI 24 SETTEMBRE 2021 A GIOVEDI 30 SETTEMBRE 2021 TUTTI I GIORNI ORE 19.00

PROGETTO MARIA STUARDA

di

produzione

SABATO 25 SETTEMBRE 2021 ORE 20.30

BORGO DI CELLENO (VT)

DETTO DEL GATTO LUPESCO

Omaggio giullaresco a Dante con Cesare Ceccolongo

a cura di Gian Maria Cervo

DOMENICA 26 SETTEMBRE 2021 ORE 12.00

PIAZZA ENRICO CASTELLANI – CELLENO (VT)

RACCONTI DI UN PELLEGRINO ROSSO

MISURE DI SICUREZZA PER ACCEDERE AGLI SPETTACOLI

Il festival dei Quartieri dell’arte ha elaborato, in accordo con le autorità competenti, le linee guida anti Covid-19, da attuare per lo svolgimento della XXV edizione del festival (18 settembre – 14 novembre 2020), con l’obiettivo di garantire la sicurezza per tutti gli ospiti e i frequentatori del festival.

Per evitare code e assembramenti invitiamo il pubblico a prenotare il vostro posto agli spettacoli all’indirizzo mail ufficiostampaquartieridellarte@gmail.com.

Gli spettatori con temperatura uguale o superiore a 37,5° non potranno accedere allo spettacolo.Il personale all’ingresso è provvisto di appositi termoscanner per la misurazione della temperatura.

Tutti gli spettatori devono essere muniti di GREEN PASS, indossare la mascherina (per i bambini valgono le norme generali) e sanificare le mani utilizzando gli appositi dispenser. Gli spettatori sprovvisti di mascherina potranno richiederne una all’ingresso.

I posti in sala garantiscono il distanziamento interpersonale nel rispetto delle normative vigenti.

01 Ottobre ore 18.00 | Museo Civico- Viterbo

PER EDITH PIAF

da Edith Piaf. Regia di Pino di Buduo. Con Nathalie Mentha
Teatro Potlatch

+ INFO

01 Ottobre | a seguire | Museo Civico- Viterbo

WoH PERFORMANCES (e documentari)/THE WAYS OF THE HEROES

curati da Ana Kostantinovic

+ INFO

03 Ottobre | ore 18.30 | Teatro Caffeina – Viterbo

TOGLIATTI MON AMOUR

di e con Carlotta Piraino
Fortezza Est

+ INFO

04- 07 Ottobre | Tutti i giorni alle 18.00 | Via Jacopo Barozzi-Bagnaia, Viterbo PRIMA ASSOLUTA

CENERI
/FRANCESCO BONERI OVVERO L’ANNO DRAMMATICO DEL 1613 A BAGNAIA
/AMOR VICIT

di AA.VV. e RR.VV.

+ INFO

08 Ottobre | ore 21.00 | Ex Tempio Santa Croce – Tuscania

A SHAKESPEARE/MARLOWE DIGITAL DIPTYCH

di Gian Maria Cervo. Regia di Nikolay Kolyada (video) e Riccardo Festa (live)
Una coproduzione di Teatro Stabile delle Arti Medioevali con Kolyada Theatre di Ekaterinburg, ALT QVM e UrTeatro

+ INFO

09 Ottobre | ore 21.00 | Teatro Bianconi- Carbognano

A SHAKESPEARE/MARLOWE DIGITAL DIPTYCH

di Gian Maria Cervo. Regia di Nikolay Kolyada (video) e Riccardo Festa (live)
Una coproduzione di Teatro Stabile delle Arti Medioevali con Kolyada Theatre di Ekaterinburg, ALT QVM e UrTeatro

+ INFO

10 Ottobre | ore 18.00 | Museo Civico – Viterbo

A SHAKESPEARE/MARLOWE DIGITAL DIPTYCH

di Gian Maria Cervo. Regia di Nikolay Kolyada (video) e Riccardo Festa (live)
Una coproduzione di Teatro Stabile delle Arti Medioevali con Kolyada Theatre di Ekaterinburg, ALT QVM e UrTeatro

15 Ottobre | ore 21.00 | Palazzo Orsini- Bomarzo

A SHAKESPEARE/MARLOWE DIGITAL DIPTYCH

di Gian Maria Cervo. Regia di Nikolay Kolyada (video) e Riccardo Festa (live)
Una coproduzione di Teatro Stabile delle Arti Medioevali con Kolyada Theatre di Ekaterinburg, ALT QVM e UrTeatro

17 Ottobre | ore 21.00 | Museo della Città – Acquapendente
Lo spettacolo sarà associato alla presentazione del libro dello storico dell’arte Andrea Alessi “Sebastiano e Michelangelo nella Città dei Papi”

A SHAKESPEARE/MARLOWE DIGITAL DIPTYCH

di Gian Maria Cervo. Regia di Nikolay Kolyada (video) e Riccardo Festa (live)
Una coproduzione di Teatro Stabile delle Arti Medioevali con Kolyada Theatre di Ekaterinburg, ALT QVM e UrTeatro.

01-13 Novembre | Ostello del Pellegrino – Bagnaia Viterbo – PRIMA ASSOLUTA

di Michele Altamura, Gian Maria Cervo, Loris Leoci, Fabio Marson, Aleksandros Memetaj, Fabio Pisano e Riccardo Tabilio e dei drammaturghi under 18 del progetto Response Art Claudio Carone, Marianna Cutrone, Caterina Gianmaria, Federica Malanga e Michele Romanelli.
Regie Ana Kostantinovic, Nina Nikolikj e Yoris Petrillo

Festival Quartieri dell’Arte, Cie Twain, Galleria Toledo, Florian Metateatro, Peripetija, Eho Animato. Con attori dell’ensemble del Teatro Nazionale di Macedonia. Progetto The Ways of the Heroes co-finanziato dal Programma Creative Europe dell’Unione Europea

+ INFO

06 Novembre | ore 21.00 | Teatro Caffeina – Viterbo  PRIMA ASSOLUTA

PROVVISORIO PER EDUCAZIONE

di Paolo Fallai. A cura di Pierpaolo Sepe
Coproduzione del Festival con Teatro di Sacco

06 Novembre | a seguire | Teatro Caffeina – Viterbo   PRIMA ASSOLUTA

L’ANGOSCIA E’ IL MENO

di Paolo Fallai. A cura di Pierpaolo Sepe
Coproduzione del Festival con Teatro di Sacco

 

14 Novembre | ore 17.00 | Palazzo Orsini – Bomarzo PRIMA ASSOLUTA

WoH PERFORMANCES (e documentari)/THE WAYS OF THE HEROES

curati da Ana Kostantinovi

 

Progetto “Voice Ensemble”