Bagnaia e Villa Lante per la prima volta la storia raccontata in un libro

NewTuscia – BAGNAIA – Oggi sono stati illustrati in conferenza stampa, alla presenza dell’assessore alla cultura e al turismo Marco De Carolis, i dettagli dell’apertura serale straordinaria del giardino di Villa Lante a Bagnaia prevista per venerdì 17 settembre alle ore 19.00 per la presentazione del libro “Bagnaia e Villa Lante, da castrum medievale a luogo di delizie”, primo volume nel suo genere che svelerà nuove scoperte, affreschi mai mostrati al pubblico e curiosità, curato dallo storico dell’arte Marco Zanardi ed edito da Edizioni Archeoares.

L’Assessore si è complimentato con l’autore per il volume evidenziando come sia un pregio che siano i giovani a occuparsi della valorizzazione delle bellezze del territorio, definendo il testo come uno strumento di promozione turistica oltre che un libro di approfondimento.

Interverranno all’evento di venerdì prossimo, oltre all’autore Marco Zanardi, Marina Cogotti direttrice di Villa Lante, Giovanni Maria Arena Sindaco di Viterbo e Aldo Quadrani, presidente dell’Associazione Amici di Bagnaia. Vi è la possibilità di prenotare, sia in loco sia scrivendo a info@visitarelatuscia.it, visite guidate a Bagnaia e Villa Lante con aperture straordinarie a prezzo agevolato nei giorni di sabato 18 e domenica 19 settembre.

L’evento, realizzato in collaborazione con la Direzione Regionale Musei Lazio e patrocinato dal Comune di Viterbo, presenterà le novità e le nuove scoperte legate a Bagnaia illustrate nel volume, con la proiezione al pubblico di foto inedite di Palazzo Gallo e degli ambienti affrescati di Palazzo delle Logge, sede del potere vescovile del Rinascimento.

Per la prima volta le bellezze del borgo di Bagnaia e di Villa Lante sono sinergicamente raccontate in un libro, alla portata di tutti. La ricchezza artistica di Bagnaia, storico borgo viterbese, e la storia del suo rapporto unico con il capolavoro rinascimentale di Villa Lante, celebre per i giardini all’italiana riconosciuti tra i più importanti al mondo, vengono esaminati nel volume che si presta ad una agile lettura, in grado di essere apprezzata anche dal visitatore non esperto, che potrà rinvenire documentazioni inedite, approfondimenti e curiosità, oltre a mappe utili alla visita del sito storico.

Protagonisti di queste pagine sono gli ambienti dipinti di Villa Lante e le sale affrescate di Palazzo delle Logge, integralmente documentate nella pubblicazione. Il ricchissimo corpus fotografico presenta anche affreschi inediti mai mostrati al pubblico e mette in stretta relazione i due monumenti più importanti di Bagnaia, descritti in maniera organica, accompagnando il lettore passo dopo passo alla scoperta di aneddoti, curiosità ed enigmatici simbolismi.

Secondo la direttrice di Villa Lante Marina Cogotti “uno dei pregi del lavoro di Marco Zanardi consiste proprio nell’aver pazientemente riannodato i fili del tessuto storico e culturale che ricollega la villa al suo contesto di appartenenza, identificandone i processi e mettendo in luce, insieme agli avvicendamenti ed alle stratificazioni edilizie, anche il parterre di committenze e di artisti coinvolti”.

L’analisi storica condotta ha inteso evidenziare il progetto originale del cardinal Gambara per Villa Lante, attraverso un percorso che mette in relazione le precise geometrie dei giardini formali, arricchiti dai giochi d’acqua e dalle palazzine gemelle, con le fontane e le simbologie del parco, emblema quest’ultimo dell’armonia primitiva tra uomo e natura, rievocazione rinascimentale dell’Età dell’Oro.

Ancora oggi Bagnaia è ricordata per le terrazze del suo Giardino delle Delizie, impreziosito da fontane monumentali alimentate dalle limpidissime acque che sgorgano dai monti Cimini: una combinazione di natura e artificio umano che impressionò gli illustri visitatori del passato tra cui Papa Gregorio XIII.

“Un libro per tutti, non solo per addetti ai lavori – scrive nella prefazione del libro il sindaco Arena – Un volume completo, arricchito ulteriormente da scoperte e ricerche di archivio dell’autore, approfondimenti, notizie e foto inedite, curiosità e testimonianze di persone che hanno restaurato Villa Lante dopo la seconda guerra mondiale. Un libro che affascina e appassiona al tempo stesso”.

Marco Zanardi, autore del libro spiega: “L’idea che ha portato a realizzare il libro è nata dal desiderio di riunire borgo e Villa, esattamente come era in passato, riordinando e aggiornando tutto ciò che si conosce di questi complessi monumentali. Le mappe aiuteranno il visitatore a capire ciò che era Bagnaia nel suo periodo di massimo splendore, leggendo attraverso affreschi e simbolismi un passato importante e di cui oggi si conservano la bellezza, le tradizioni e i saperi delle maestranze artistiche”.

Aldo Quadrani, presidente Associazione Amici di Bagnaia afferma: “Questo libro, che resterà una pietra miliare nella conoscenza artistica di Bagnaia, Marco Zanardi, profondo esperto di questo territorio, espone, rivela e si addentra, a volte anche mostrando particolari inediti, nelle bellezze di una contrada che ormai ha superato il millennio di storia”

Dopo l’evento il libro potrà essere acquistato presso le principali librerie di Viterbo e provincia, al BookShop del Colle del Duomo e online a 30 euro sul sito di archeoareas.

Visite guidate 18 e 19 settembre

Al fine di avvicinare alla comprensione dei legami esistenti tra borgo e villa illustrati nel libro nelle giornate di sabato 18 e domenica 19 settembre alle ore 10.00 e alle ore 15.00 saranno organizzate delle visite guidate condotte dall’autore Marco Zanardi per il centro storico di Bagnaia e i giardini di villa Lante al costo di 10 euro. Per partecipare è sufficiente prenotare scrivendo a info@visitarelatuscia.it. Per i partecipanti che acquisteranno il volume è previsto lo sconto del 50% del costo della visita.

Durante la visita del borgo di Bagnaia, saranno aperte straordinariamente al pubblico, grazie all’Associazione Amici di Bagnaia, le chiese di S. Maria del Rosario, S. Maria della Porta, S. Stefano, S. Rocco e Palazzo Gallo, dove sarà possibile ammirare in anteprima i restauri di affreschi e soffitti delle sale di rappresentanza.

Informazioni importanti per il pubblico

Per partecipare all’evento di venerdì  17 settembre è necessaria la prenotazione

Tramite mail : g.serone@archeoares.it

oppure inviando un whatsapp al 347 701 0187.

È necessario indicare il numero di persone, specificando se sono congiunte, fornire una email o numero telefonico di riferimento.

Green pass obbligatorio. Posti limitati.