Il calcio storico fiorentino tra passato e presente

NewTuscia – FIRENZE – Riceviamo e pubblichiamo.Dopo l’interruzione dei tornei del calcio storico fiorentino nel 2020, quest’anno siamo pronti a ripartire con queste emozionanti rievocazioni storiche per scoprire chi sarà la squadra campione della città del 2021. Si parte l’11 settembre con la sfida tra Azzurri e Bianchi, poi è il turno di Verdi e Rossi il 12. Il 19 settembre si giocherà la finale. Nonostante questo sport sia fortemente sentito non solo nella città di Firenze ma anche in un’area molto più ampia, che apprezza l’Italia come patria in cui il calcio è nato, non sono molto diffuse le possibilità di scommettere sul torneo annuale. I maggiori siti di scommesse sportive offrono però quote su altri sport molto seguiti, come il calcio tradizionale, il basket, il tennis, il ciclismo, con cataloghi sempre in espansione. Per i nuovi iscritti ai portali sono generalmente offerti dei pacchetti di benvenuto per incentivare l’attività, che si estendono anche alla parte casinò del portale. Ed è così che si possono ottenere bonus casinò in denaro da giocare, rimborsi sulle perdite, e giri gratis alle slot machine più famose. Questo tipo di gioco d’azzardo ha radici profonde nella storia fin dal Rinascimento, così come ne ha il calcio storico fiorentino.

Le origini

Si dice che una delle prime importanti partite fu giocata a Firenze nel 1530. Durante questo periodo le truppe imperiali di Carlo V stavano assediando la città e i fiorentini, come segno di noncuranza, si misero a giocare a palla in piazza Santa Croce. Questo successe durante i festeggiamenti di Carnevale, che i fiorentini si rifiutarono di saltare come da indicazioni dell’assediatore. Da qui le radici degli eventi di rievocazione storica che fin dagli anni ‘30 hanno luogo ogni anno.

Firenze città natale del calcio

Anche prima di questa celebre partita il gioco era diffuso tra i nobili. Si giocava per le strade di tutta la città di Firenze, e con il passare del tempo si fu obbligati a limitare il gioco a certe piazze e periodi, per assicurare il mantenimento dell’ordine pubblico. Come dice Michele Pierguidi, presidente di Calcio Storico Fiorentino, è qui che è nato il gioco del calcio, e non in Inghilterra come gli inglesi vogliono far credere. In una recente intervista, Pierguidi si augura che dopo la vittoria italiana a Euro 2020 contro l’Inghilterra, le prossime finali del campionato europeo si giochino proprio a Firenze.

L’influenza del calcio sulla società

Non si può sapere se effettivamente le origini del calcio siano nel nostro territorio o in altre regioni europee, perché fin dall’antica Grecia e dalla Cina imperiale si possono individuare dei predecessori del gioco. Uno dei modi più semplici e ancestrali di giocare è utilizzare una palla e sfidarsi tra squadre. Le radici del gioco sono così antiche che è difficile oggi immaginare una società non influenzata da questo. Ad oggi, oltre ad aver un coinvolgimento fortissimo per le partite e le squadre del cuore, si hanno addirittura dei francobolli personalizzati in base agli andamenti dei vari tornei. Inoltre, la società moderna è stata capace di costruire un giro d’affari notevole, che dà lavoro a migliaia di persone, e permette agli appassionati di poter seguire uno sport di alto livello con il massimo della qualità di fruizione.