E’ successo a Nepi. Un’esperienza ecclesiale e non solo

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo.

Tutto è stato organizzato da un gruppo di persone appartenenti ad un’associazione culturale e religiosa, no profit, chiamata “L’Attesa” presieduta da Laura Gabrielli e nata a Nepi il 18 novembre 2014.

Abbiamo iniziato con il sentir pulsare un cuore materno, il Cuore di Maria. Saverio Gaeta, giornalista vaticanista e Padre Mario Piatti dei Padri del Cuore Immacolato sono stati di grande aiuto a svelare la bellezza e l’importanza della figura della Madonna nella storia. Di ulteriore aiuto è stata la proiezione del film “Fatima: l’ultimo mistero” che è servito a leggere il ruolo di Maria nella storia e particolarmente nella nostra realtà attuale. Toccante l’intervento di Padre Piatti al termine della serata . Significativa la presenza del vescovo diocesano S.E.Mons. Romano Rossi, del regista Alberto Di Giglio e di molti sacerdoti tra cui il parroco di Nepi Janusz Konopacki, altri padri Micheliti e dei Servi di Maria , oltre alle autorità civili, con il sindaco Franco Vita, la vice sindaca Annalisa Arcangeli ed altri membri della giunta, i quali insieme a tanti cittadini hanno compreso la particolarità dell’evento che ha reso speciale Nepi nelle tre giornate del suo svolgimento.

Dopo la proiezione del film nei giorni successivi si sono susseguiti momenti di preghiera con l’Adorazione Eucaristica guidata dalla Comunità Gesù Ama , preceduta dalle confessioni sacramentali, che è stata visibilmente vissuta con intensità, si direbbe, eccezionale.

Particolarmente coinvolgente, poi, il concerto finale animato dai ragazzi della comunita’ “Nuovi Orizzonti” di Chiara Amirante, dove numerose e significative sono state le testimonianze vissute, che sono servite in maniera efficace a fugare le tante paure vissute nel nostro tempo e a dare a tutti un segno di speranza.

Il grande successo dell’iniziativa con obiettivi raggiunti oltre le nostre attese ci spinge ad augurarci che questa kermesse di Nepi si possa replicare anche in tanti altri luoghi.

A conclusione della manifestazione è sorto spontaneo il desiderio accolto da tutti, di rivolgerci ancora alla Madre Celeste per consacrarci al Suo Cuore Immacolato. Un ringraziamento va a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento e alla Croce Rossa locale per il servizio svolto.

Associazione L’Attesa