Estate, come mantenere la casa fresca senza sprecare energia

NewTuscia – Si rompe il condizionatore in piena estate: l’incubo diventa realtà. Il guasto dell’elettrodomestico che controlla la temperatura delle nostre case può essere considerato una vera e propria sciagura nelle giornate più calde dell’anno. Quando si presenta un malfunzionamento l’unica cosa da fare è mantenere la calma e rivolgersi a un’assistenza tecnica affidabile e specializzata, è il caso ad esempio di www.sulsicuro.it, che garantisca interventi e riparazioni tempestive in ogni zona.

Ma è possibile che il condizionatore sia l’unica via per creare la frescura domestica a cui aggrapparsi per fuggire il caldo soffocante? Non esistono altri modi per mantenere la temperatura a livelli piacevoli? Modi che magari siano meno inquinanti e non producano lo sbalzo di temperatura a cui l’aria condizionata sottopone tutti quelli che ne fanno uso? In realtà sì. Ci siamo un po’ disabituati a usarli visti gli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione, ma esistono.

Una valida alternativa al condizionatore è rappresentata dal caro vecchio ventilatore. Pur avvalendosi di energia elettrica, esso consuma molto meno di un condizionatore e ha un impatto ambientale decisamente più basso. Soprattutto quelli a soffitto si rivelano molto utili per contrastare il caldo. Girando in senso antiorario a velocità massima, riesce a spingere l’aria calda in alto restituendo giù solo quella fresca.

Mettendo da parte gli strumenti, ci sono anche una serie di trucchi da usare per non permettere al caldo di entrare in casa. Ad esempio, abbassare le tapparelle nelle stanze in cui batte il sole nelle ore più calde. Anche chiudere le finestre può essere molto utile poiché non si lascia entrare né afa, né aria umida. Dopo il tramonto, invece, è bene far circolare l’aria esterna in casa anche per tutta la notte.

Per schermare balconi e finestre dai raggi solari si possono usare delle piante rampicanti, che assorbono il calore e proteggono ciò che c’è dietro. Nei terrazzi, invece, si possono far installare delle tende o dei gazebi che consentano di vivere l’ambiente esterno con la giusta ombreggiatura. In alternativa, ci sono sempre gli ombrelloni. Il colore delle tende sia interne che esterne deve essere chiaro non solo perché consente meglio il passaggio della luce, ma anche perché non trattiene calore.

In estate bisogna evitare ancor più del solito di tenere accesi luce ed elettrodomestici senza una vera necessità. Si eviterà la produzione di calore e – soprattutto – si sprecherà meno energia inutilmente. L’uso del phon può essere sospeso a vantaggio dell’asciugatura naturale. In cucina si possono trovare dei metodi di cottura alternativa che non coinvolgono né il forno né il piano cottura. D’estate è meglio mangiare alimenti freschi e pieni di acqua soprattutto durante la giornata. Nelle stanze andrebbero messi via i tappeti poiché assorbono molto calore e lo rilasciano durante il giorno.

Se si è in procinto di organizzare una ristrutturazione della casa, potrebbe essere una buona idea coibentare l’edificio così da renderlo più riparato dalle temperature invernali ed estive.

Abbassare la propria temperatura interna è un altro stratagemma per vivere meglio la propria casa in estate (non va dimenticato che l’aria condizionata può anche creare qualche problema di salute). Si può abbassare la temperatura interna con una doccia, ed è sempre meglio evitare le ore più calde della giornata poiché il refrigerio sarà solo momentaneo e si potrebbe soffrire di umidità. In questi momenti, si possono mettere i polsi sotto l’acqua fredda, così da avere sollievo immediato.