NewTuscia – VITERBO – Il Comitato scientifico della Fondazione Benetton Studi Ricerche ha deciso, all’unanimità, di dedicare la trentunesima edizione del Premio Internazionale Carlo Scarpa per il Giardino a un luogo dell’Asia Mino re che emerge dalla lunga vicenda storica e geografica della Cappadocia: due valli contigue scavate nella roccia vulcanica, quella delle Rose e la Valle Rossa, in lingua turca Güllüdere e Kızılçukur.

Nelle immagini la consegna del sigillo di Carlo Scarpa alla storica dell’arte Maria Andaloro, ideatrice e direttrice della Missione di ricerca che fa capo all’Università della Tuscia, e che dal 2006, a cavallo tra l’Italia e la Cappadocia, sviluppa un lavoro capace di coniugare la trasmissione costante di attenzioni e saperi con la crescita di uno sguardo sul paesaggio in chiave di adesione partecipante e di cure responsabili.

Questo Premio Carlo Scarpa, nelle sue mani, è espressione di un sentimento di vicinanza e sostegno a tutte quelle figure che in Cappadocia testimoniano con il proprio impegno l’importanza di un bene collettivo ricco di significati e insegnamenti.