“Viterbo che verrà”: il presente ed il futuro della città visto da Fratelli d’Italia

NewTuscia – VITERBO – Un appuntamento ricco di spunti e molto partecipato.

“Viterbo che verrà”, l’incontro organizzato ieri da Fratelli d’Italia alle Terme dei Papi, ha visto un gran numero di intervenuti, nonostante l’orario di lavoro e il periodo di ferie.

Al centro della riunione, condotta dal capogruppo Luigi Maria Buzzi e con la presenza degli assessori comunali Laura Allegrini e Marco De Carolis e dei consiglieri Antonio Scardozzi e Gianluca Grancini,  i risultati e gli obiettivi raggiunti dopo tre anni di amministrazione della città di Viterbo.

In platea anche il deputato Mauro Rotelli che ha introdotto i lavori, i coordinatori del circolo di Viterbo Claudia Nunzi ed Enrico Lentini e il sindaco Giovanni Maria Arena per un saluto.

Molti i punti toccati nell’esaustiva relazione, a partire dalle attività di Protezione Civile, illustrate da Scardozzi.

Il consigliere ha ricordato tutte le iniziative messe in campo durante la pandemia per aiutare la cittadinanza, a cominciare dalle fasce più deboli, con la distribuzione di cibo e mascherine, per arrivare alle attività condotte per la città come l’aggiornamento del piano emergenza comunale (PEC) l’acquisto di un mezzo spargisale e l’imminente introduzione, nei prossimi giorni, di una  nuova App per segnalare ai cittadini le emergenze climatiche direttamente sullo smartphone.

Il consigliere Grancini ha sottolineato l’importanza della riqualificazione dell’asse centrale di Via dell’Industria mediante l’installazione di pensiline fotovoltaiche e di parcheggi: “un grande progetto inserito nel disegno di riqualificazione complessiva del Poggino su cui l’amministrazione ha investito 5 milioni e mezzo in totale.

Il turismo, in grado di “offrire una prospettiva di crescita sostenibile per la città, è stato definito, dall’assessore Marco De Carolis, “un asse su cui costruire il futuro economico di Viterbo”.

A tal fine ha ricordato gli interventi, passati e i prossimi che saranno realizzati per portare a termine l’obiettivo:  il polo museale urbano con annesso biglietto unico, le attività per recuperare la parte crollata del museo civico, la realizzazione del museo multimediale di Santa Rosa sotto i portici di Palazzo dei Priori e il museo multimediale della città presso l’ex mattatoio di Valle Faul. Per la ripresa del turismo, martoriato dalla pandemia, fondamentale i rapporti di sinergia avviati con grandi partner come AdR, Ferrovie e tour operator crocieristici, che stanno già dando i loro frutti.

A chiudere l’incontro l’assessore Laura Allegrini, che ha dettagliato i tantissimi interventi portati a termine dall’amministrazione negli ultimi tre anni, a partire dai lavori sul depuratore fino al centro storico, sul quale è fondamentale un intervento di rilancio e salvaguardia, fino alle numerose strade asfaltate. Tra le previsioni future: l’utilizzo di  5 milioni di euro per la sistemazione delle grandi direttrici che conducono a Viterbo, Santa Barbara e Poggino per alleggerire il traffico sulla Cassia. “Sarà avviato un progetto per la riqualificazione del quartiere San Faustino per un totale di 840 mila euro, iniziato l’intervento sulle Scuderie Sallupara ed il cimitero sarà reso monumentale.”

Fdi Viterbo

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21