NewTuscia – VITERBO – “In vista dello sblocco dei licenziamenti, emergono previsioni allarmanti, secondo cui nella Tuscia sarebbero a rischio 4.000 posti di lavoro. Purtroppo, ci sono settori che sono stati letteralmente massacrati dal lungo stop dell’attività, ma questo è il momento della ripartenza e le istituzioni, nel loro complesso, hanno il dovere di fare fronte, per sostenere le aziende del territorio: dobbiamo puntare forte sul turismo e sull’indotto, che possono e devono essere il volano della ripresa nella Tuscia. Le bellezze storiche,  artistiche e culturali, unite ai percorsi e ai prodotti enogastronomici, rappresentano la nostra forza e potranno essere anche lo sbocco lavorativo futuro per chi, magari, avrà perso il lavoro in un settore ancora in difficoltà. Non dobbiamo arrenderci al pessimismo: tutti insieme dobbiamo lavorare e creare opportunità, facendo sì che la nostra terra torni a ricevere visitatori dall’Italia e da tutto il mondo. Le premesse estive sono ottime, ma, come ben sappiamo, l’accoglienza può essere sempre migliorata ed è in questa direzione che dobbiamo programmare i nostri sforzi. È una sfida decisiva. Dobbiamo giocarla e vincerla: in ballo c’è il futuro della Tuscia”.

È quanto dichiara Giulio Marini, responsabile Turismo di Forza Italia nel Lazio.