Fns Cisl: “Assunzione straordinaria di agenti della Penitenziaria”

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo.

Polizia Penitenziaria, Sappe, Sinappe, Uil e FnsCisl hanno manifestato davanti al carcere per carenza personale.

Tra i principali motivi del sit-in, la richiesta di interventi volti ad impedire aggressioni da parte detenuti psichiatrici nei confronti del personale, e quella di implementare posti disponibili c/o Rems.

Il sovraffollamento nelle carceri del Lazio ammonta a più di 354 detenuti dato che la capienza regolamentare è fissata a 5.230, mentre quella effettiva è di 5.584, un dato enormemente sceso data l’attuale situazione venutasi a creare per COVID-19.

Attualmente il Sovraffollamento a Viterbo è di 116 detenuti in più rispetto ai posti regolamentari.

L’istituto che presenta il sovraffollamento più alto nella regione è CC Latina, con + 48 detenuti (ne ospita 125, contro  i 77 previsti) con un tasso del 170%, mentre la media nazionale è del 104%.

Nella Regione, invece, il personale è carente di almeno 600 unità, (persone previste 3766, presenti 3. 166); le carceri con maggiore carenza di personale sono Viterbo, NC CC Roma Rebibbia, CC Regina Coeli, CC Velletri, CC Frosinone.

La Fns Cisl VITERBO registra che nella provincia mancano 55 unità di Polizia Penitenziaria; occorre maggiore attenzione da parte del Dipartimento amministrazione Penitenziaria in fase di assegnazione del 178 ° Corso Allievi  Agenti, mentre, dall’altra parte il Ministro dovrebbe adoperarsi affinché siano programmate più assunzioni ( AUMENTO ORGANICO PP), visto che quelle previste non bastano a sanare il personale andato in quiescenza.

In ambito nazionale ci sono 30 Rems per circa n.709 detenuti internati, mentre 71 sono in lista di attesa poiché i numeri sono sottostimati rispetto alle reali esigenze. Nel Lazio le REMS previste sono 5, ma aperte solo 3.

La Fns Cisl chiede al Governo ed al Ministro l’assunzione straordinaria di personale di Polizia Penitenziaria;