Sanitari no vax, accertamenti anche nel viterbese

NewTuscia – VITERBO – Dopo la norma del ministero che stabilisce la sospensione “ex lege” dall’esercizio della professione sanitaria e dalle prestazioni delle attività lavorative per il personale che non ha adempiuto all’obbligo vaccinale, sono iniziati gli accertamenti anche nella Tuscia.

La percentuale nel territorio viterbese sarebbe comunque molto bassa. L’accertamento nelle aziende sanitarie deve essere obbligatoriamente essere effettuato; in caso di mancata vaccinazione la Asl lo comunica all’interessato, al datore di lavoro e all’ordine professionale di appartenenza che a sua volta comunicherebbe alla persona in questione gli effetti che dall’atto di accertamento della Asl conseguono.

Questi consistono nella sospensione temporanea dall’esercizio della professione fino all’assolvimento dell’obbligo vaccinale, ma non oltre il 31 dicembre 2021.