Rifiuti/Marini (Forza Italia): “Lo Zingaretti che parla di schifo forse è un sosia: la colpa è della Regione come di Roma capitale”

NewTuscia – VITERBO – “Leggiamo, basiti, che Nicola Zingaretti dice basta allo schifo dei rifiuti che invadono le strade di Roma Capitale. E aggiunge che, se il Comune non si attiverà subito, ci penserà la Regione. Allora, viene il dubbio che a parlare non sia stato il presidente della Regione, ma un sosia, un marziano capitato a Roma per caso, dopo tanti anni. Perché il vero Nicola Zingaretti dovrebbe sapere che la vergogna dell’immondizia romana è colpa della Regione, quindi sua, esattamente come dell’inutile sindaca della Capitale, Virginia Raggi. Zingaretti e i suoi assessori ai rifiuti (prima uno, poi l’altro) governano da otto lunghi anni e non hanno fatto altro che procedere per ordinanze a tempo, rinnovate di volta in volta, che impongono alle altre Province del Lazio di accogliere i rifiuti di Roma. Adesso, però, siamo arrivati al capolinea, perché nessuno accetterà più l’immondizia della Capitale e bene ha fatto il sindaco di Viterbo, Arena, a dirsi indisponibile ad ulteriori proroghe. Ancora una volta, Zingaretti parla, ma non agisce: sono otto anni che la Regione non decide e la situazione della raccolta rifiuti a Roma è diventata tragica. Raggi e Zingaretti facciano ciò che vogliono, ma non contino più sulla disponibilità del resto della Regione: Roma è una metropoli e chi la governa (a livello cittadino e regionale) ha il dovere di dare risposte concrete ai suoi abitanti. Esattamente ciò che gli incapaci Zingaretti e Raggi non riescono a fare”.

È quanto dichiara Giulio Marini, delegato all’Ambiente della Provincia di Viterbo.