Civita Castellana, rinviato a giudizio per maltrattamenti il nuovo segretario comunale

Civita Castellana

NewTuscia – CIVITA CASTELLANA – Nell’atto del rinvio a giudizio la Gup ha sottolineato le condotte reiterate. Secondo l’accusa il nuovo segretario comunale di Civita Castellana, Luigi Rocco Bronte, rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie, era geloso della donna; l’accusava continuamente di tradimento, la picchiava con schiaffi, pugni e spinte, anche davanti ai figli minorenni.

Ci sarebbero stati anche quattro episodi in cui l’avrebbe afferrata per il collo. Nel 2019 l’uomo le avrebbe anche procurato delle fratture alle dita della mano, contusioni ad una gamba e al ginocchio e un trauma cranico senza commozione cerebrale.

Tutto questo deve ancora essere provato davanti ai giudici del processo la cui prima udienza è fissata per il 2 marzo 2021, per il momento l’attenzione si focalizza maggiormente sulla decisione che dovrà rendere il sindaco Luca Gampieri: Luigi Bronte dovrebbe insediarsi in comune il 10 maggio per prendere il posto di Elisabetta Montanari, la funzionaria che ha momentaneamente sostituito Maria Grazia Salamino che si è dimessa dopo essere stata nominata direttrice generale dell’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo.