Grancini (Fdi): “Impianto biometano all’Acquarossa, la Commissione Ambiente faccia chiarezza”

NewTuscia – VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo.

Oggi si è insediata la commissione consiliare Ambiente della Provincia.

Sono stati eletti presidente Giulio Marini e vice presidente Lina Delle Monache a cui auguro buon lavoro.

Primo impegno sottoscritto dal presidente Nocchi quello di arrivare alla definizione congiunta di un ordine del giorno che ribadisca il  no al progetto di insediamento di una centrale per la produzione di biometano in zona Acquarossa che dovrebbe occupare una superficie di oltre 2 ettari in prossimità di un’area industriale con presenza di aziende del settore agroalimentare, di un altro impianto di trattamento rifiuti non pericolosi ma che rientra tra le attività ad alto rischio di incendio e un numero di addetti di qualche centinaio di unità.

Allo stato dell’arte attuale, a queste criticità si aggiungono quelle legate alla vicinanza di impianti sportivi e di un centro di formazione e, più in generale, si ripropone il tema della necessaria ridefinizione della viabilità di tutta la zona in considerazione dei possibili alti flussi di traffico pesante.

L’impianto in questione dovrebbe trattare una quantità massima di rifiuti organici pari a 100 tonnellate per un totale annuo massimo di 36.400 tonnellate.

Con soddisfazione, dopo aver sollevato il caso negli scorsi giorni, registro la disponibilità a portare rapidamente in commissione un ordine del giorno che confido sarà votato da tutti per porre un punto di chiarezza alla situazione.

Gianluca Grancini

Consigliere provinciale Fratelli d’Italia