FederScherma Lazio. I laziali Vincenzo De Bartolomeo e Valerio Aspromonte eletti Consiglieri Federali

IL TOSCANO PAOLO AZZI È IL NUOVO PRESIDENTE DELLA FEDERSCHERMA, IN CONSIGLIO FEDERALE ANCHE DUE LAZIALI: IL RICONFERMATO VINCENZO DE BARTOLOMEO E L’OLIMPIONICO VALERIO ASPROMONTE

NewTuscia – ROMA – Due laziali sono stati eletti nel Consiglio nazionale della Federazione Italiana Scherma per il quadriennio olimpico 2021-2024: si tratta del riconfermato Vincenzo De Bartolomeo e dell’olimpionico Valerio Aspromonte. È il responso dell’Assemblea elettiva svoltasi ieri a Roma, presso l’Auditorium Parco della Musica, e che ha incoronato nuovo presidente della Fis il toscano Paolo Azzi, che con 287 voti, pari al 68,01%, ha superato l’altro candidato Michele Maffei che si è fermato a 134 preferenze (31,75%).

Paolo Azzi, che succede a Giorgio Scarso (non ricandidatosi dopo 16 anni alla guida della Federscherma), ha visto eletta in blocco tutta la sua “squadra” in cui spiccavano i due esponenti della scherma laziale.

Debutto da dirigente per il campione del fioretto Valerio Aspromonte. “La scherma è la mia passione e la mia vita: ho iniziato a praticarla quando avevo solo 7 anni, ma mi sono innamorato subito di questo sport e dei suoi valori. Le mille emozioni che ha saputo darmi mi hanno accompagnato per tutta la vita”, le parole dell’oro olimpico di Londra 2012 con la squadra di fioretto maschile. Una carriera da agonista ricca di medaglie la sua, in cui spiccano anche ai Campionati del mondo un argento e un bronzo individuale e un oro, un argento e un bronzo a squadre. Durante il percorso da atleta, Aspromonte ha concluso gli studi laureandosi in Scienze politiche e ha iniziato la carriera da tecnico. “La scherma mi ha fatto crescere e mi ha dato tanto: spero di riuscire, nel mio piccolo, a restituire, almeno in parte, ciò che ho ricevuto”, è la sfida di Aspromonte.

Da veterano, invece, è stato eletto consigliere federale per la terza volta Vincenzo De Bartolomeo. “Continua un impegno cominciato da presidente del Comitato Provinciale Fis di Roma e poi da membro del Consiglio Direttivo del Coni romano, continuando per due mandati con la guida del Comitato regionale Federscherma Lazio e da coordinatore nazionale della Consulta delle Regioni in seno alla Fis, prima di entrare nel 2008 in Consiglio Federale e di avere l’onore di guidare le delegazioni azzurre in tante prestigiose esperienze internazionali”, le parole di De Bartolomeo, protagonista e ideatore anche di vari progetti socio-culturali quali “La scherma per la terza età” nel Corso di educazione al benessere presso l’Università della III età di Ariccia, il corso di scherma per ragazzi affetti da sindrome di Down presso l’Istituto Tecnico Agrario di Roma e, in collaborazione col Comune di Roma, l’iniziativa “Stoccate Vincenti – Edoardo Mangiarotti: il mito” svoltasi nel 2010 in Campidoglio.

Nel dettaglio del nuovo Consiglio Federale, per la quota tecnici è stata eletta Giovanna Trillini, con 32 voti (74,42%), in rappresentanza degli atleti Valerio Aspromonte con 70 preferenze (41,42%) e Rossana Pasquino con 59 (34,91%), per gli affiliati Maurizio Randazzo, Vincenzo De Bartolomeo, Alberto Ancarani, Joelle Rosanna Piccinino, Matteo Autuori, Sebastiano Manzoni e Guido Di Guida.