Manutenzione del verde pubblico, al via interventi sul territorio comunale

Il sindaco Arena: “Il 2021 sarà dedicato principalmente alla cura del verde pubblico”

L’assessore Contardo: “Stiamo lavorando anche per garantire un supporto scientifico da parte di Phy.Dia agli interventi di manutenzione al nostro verde pubblico”

NewTuscia – VITERBO- Gestione e manutenzione del verde pubblico del territorio comunale, al via una serie di interventi previsti dai nuovi appalti. Interventi che riguardano la potatura degli alberi, l’abbattimento di piante ritenute pericolose, la pulizia dei bordi stradali, cura delle aiuole, delle aree verdi delle rotatorie, la manutenzione dei parchi pubblici, la rimozione di rami caduti, il taglio delle erbe infestanti, passando dalla realizzazione di palestre all’aperto e interventi all’interno di Pratogiardino.
“Come avevo anticipato – ha sottolineato il sindaco Giovanni Maria Arena – il 2021 sarà dedicato principalmente alla cura del verde e delle alberature, con un investimento complessivo di circa 2 milioni, oltre l’intervento di circa 600mila euro per la riqualificazione e le asfaltature di piazzale Gramsci.

Manterremo alta l’attenzione sulla gestione del verde pubblico dell’intero territorio comunale, sugli interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione, per garantire ai viterbesi una città migliore, nel pieno rispetto dell’ambiente, del decoro urbano e di tutti coloro che usufruiscono dei nostri spazi verdi”. A entrare nel dettaglio degli interventi già realizzati o che presto lo saranno è l’assessore al verde pubblico Enrico Maria Contardo. “Alcuni lavori sono già partiti, altri inizieranno nei prossimi giorni. A portare avanti gli interventi saranno le diverse aziende che si sono aggiudicate gli appalti. Lo scorso venerdì è iniziato un primo intervento di potature. In questi giorni si è provveduto alla rimozione di un pino domestico caduto in via Rasetti e di un altro albero caduto a ridosso dell’area di sgambamento cani al quartiere Carmine. La stessa azienda provvederà inoltre al taglio delle siepi cresciute a dismisura, per poi procedere con l’abbattimento di tre enormi alberi a Pratogiardino, secchi e pericolosi, e con i lavori di potatura in piazza XX Settembre a Bagnaia, in piazza M. Buratti e in via Doria a San Martino. Subito dopo sarà la volta di Roccalvecce, con la rimozione di piante infestanti che circondano la rocca, la potatura di varie alberature, tra cui quelle della piazza principale.

Partititi questa settimana anche i lavori di sfalcio degli spazi verdi, tra cui piazzale Gramsci, nelle rotatorie, aiuole e parchi.
Domani, 22 gennaio, inizierà un altro intervento di potatura che interesserà gli alberi di viale Trento. Settimana prossima partirà invece l’intervento previsto dall’appalto per la pulizia dei bordi stradali che riguarderà in buona parte le strade di collegamento con le frazioni San Martino-Tobia, Bagnaia, Grotte Santo Stefano, Roccalvecce e Sant’Angelo. In città si inizierà dalla circonvallazione Almirante per procedere subito dopo con via del Pilastro e con la Cassia sud. Questi i primi interventi. Daremo puntualmente notizia di tutti i lavori che periodicamente riguarderanno il verde pubblico del nostro territorio. Si tratta di un impegno importante da parte dell’amministrazione dal punto di vista economico – ha aggiunto l’assessore Contardo -. Stiamo parlando di dodici appalti diversi per un totale di oltre un milione di euro. Insieme al sindaco Arena e agli uffici del settore VIII, guidati dal dirigente Monaco, stiamo lavorando per mettere a frutto un’importante collaborazione con Phy.Dia., spin-off dell’Università degli Studi della Tuscia, per garantire un supporto e una valenza scientifica ai vari interventi che andremo a fare a livello di verde pubblico, sia per le tempistiche, sia per le modalità degli stessi. Quando e come intervenire. Una gara che una volta espletata darà il via a un servizio che interesserà i prossimi tre anni e che consentirà di investire da parte del Comune 800mila euro all’anno per le manutenzioni. Con tale importo, ben più alto rispetto al precedente che era di 450mila, confidiamo di poter garantire la perfetta cura del nostro verde pubblico, che ricordo ricoprire oltre cento ettari di verde, suddiviso tra capoluogo e frazioni”.