Crisi di governo, Italia dei Diritti  con Conte contro Renzi. Appello a parlamentari liberi per adesione a movimento

NewTuscia – ROMA – Il responsabile per la politica interna di Italia dei Diritti Carlo Spinelli prende le difese del Premier Conte definendo positiva la sua esperienza di governo, critica aspramente la decisione di Renzi di aprire la crisi  e si appella ai parlamentari in questo momento liberi da vincoli di partito chiedendo loro di aderire al movimento per creare un gruppo sia alla Camera che al Senato a  sostegno del Premier.

Tanto tuonò che piovve; e così dopo averlo più volte gridato ai quattro venti Renzi toglie i due ministri di Italia Viva dal governo e apre ufficialmente la crisi. Una crisi che si sarebbe dovuta evitare visto il periodo che stiamo vivendo, un comportamento da molti giudicato irresponsabile e criticato aspramente anche dalla stampa estera. Da molte parti campeggiano gli slogan “avanti con Conte” ed anche il movimento politico Italia dei Diritti fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro veleggia verso questa direzione come lasciano intendere le dichiarazioni del responsabile nazionale alla politica interna Carlo Spinelli:” Abbiamo riunito d’urgenza il direttivo nazionale del movimento per discutere sulle dimissioni delle ministre di Italia Viva Bellanova e Bonetti ed è emerso dalla discussione lo sdegno da parte dei dirigenti politici IDD circa questa crisi di governo aperta dal comportamento irresponsabile di un uomo, Matteo Renzi, che pur di prendersi la scena politica è disposto a sacrificare milioni di italiani e lasciare il nostro paese imprigionato nelle sabbie mobili della crisi pandemica. Stento ancora a capire le ragioni che hanno spinto Renzi a togliere l’appoggio al governo Conte anche perchè – continua Spinelli – le motivazioni addotte non rispecchiano poi la realtà; alcune delle osservazioni fatte sul recovery plan da Italia Viva sono state accolte a dimostrazione che il partito di Renzi non era certo considerato una comparsa all’interno della coalizione di governo, ma questo non è bastato a farlo tornare indietro da quanto ormai Renzi aveva già deciso, voleva il ponte sullo stretto ( a cosa serve adesso discutere su quest’opera?) ha giudicato inadeguato quanto fatto fino ad ora dal governo per il contenimento della pandemia cosa a mio avviso non suffragata dai numeri e dalla situazione attuale del Covid-19 in Italia almeno rispetto a quanto si sta vedendo negli altri Paesi, questo a dimostrazione del fatto che comunque sarebbe andata e qualsiasi cosa Conte avesse fatto, ormai la decisione del politico toscano era presa e niente e nessuno lo avrebbe fatto recedere. Ma può mai essere possibile che un partito politico che vanta a malapena il 3% dei consensi ( sondaggi alla mano ) possa decidere le sorti di 60 milioni di italiani? Sembra di essere tornati indietro di decenni ai tempi della prima Repubblica quando le sorti del nostro Paese venivano decise non da chi aveva la maggioranza dei voti ma da chi non raggiungeva neanche il 10% dei consensi. Il governo Conte – va avanti ancora l’esponente IDD – anche se qualche volta ha preso decisioni criticabili, tutto sommato ha gestito bene il contenimento del Covid-19 ,e, come ho già affermato, la situazione che stanno vivendo in altri Paesi lo sta a dimostrare; siamo il Paese europeo che meglio sta gestendo le vaccinazioni, stiamo contenendo meglio di molti altri i contagi ( vedi la situazione di Regno Unito, Germania, Francia e Spagna ma anche degli USA ) e anche se non ci sono le controprove, credo che difficilmente si sarebbe potuto fare meglio, poi tutto è criticabile e migliorabile ad esempio noi del movimento Italia dei Diritti abbiamo sempre affermato che riguardo la ristorazione, i teatri ed i cinema forse si sarebbe potuto agire diversamente. Per continuare a fronteggiare la crisi sarebbe meglio proseguire con questo esecutivo e noi di Italia dei Diritti appoggiamo il governo Conte e vorremmo farlo anche dall’interno per questo facciamo un appello ai Deputati ed ai Senatori che in questo momento sono liberi da vincoli di partito e che hanno a cuore le sorti dell’Italia e chiediamo loro di aderire al movimento Italia dei Diritti in modo che si possa formare un gruppo parlamentare che appoggi il Premier Conte in modo che possa proseguire nella sua opera. Ci sono importanti scadenze in vista per il nostro Paese – conclude Spinelli – e non possiamo vanificare tutto soltanto perchè un uomo per la sua voglia di apparire ha deciso di lasciare il Paese nel caos”.

Italia dei Diritti