Rischio scorie nella Tuscia, Sambin (Più Italia): “La Tuscia terra sotto assedio”

NewTuscia – VITERBO – Continua  in modo sconsiderato l’assalto al territorio viterbese da chiunque si svegli la mattina e lo voglia far diventare un territorio sperimentale o una discarica o altre idee e progetti disastrosi che potrebbero far diventare queste zone delle vere e proprie zone di “morte”.

Molti anni fa è iniziato con le centrali a carbone che, con i loro residui, hanno dato l’inizio a un percorso negativo nei confronti di questo territorio facendo aumentare a dismisura l’arsenico nelle falde acquifere e di conseguenza anche le malattie correlate.

Di seguito ci sono stati innumerevoli problemi e conseguenti indagini sui rifiuti sotterrati o buttati nel Tevere,
poi siamo passati al discorso riguardante i fanghi da depurazione e avevano trovato un sito di stoccaggio e lavorazione a Montefiascone dove tutta la popolazione si oppose in modo deciso e sappiamo bene che i fanghi di depurazione, se ben gestiti nei propri siti, possono produrre energia per gli impianti di depurazione.
Poi siamo passati alla geotermia puntando sempre in queste zone come punto fondamentale per questo progetto e anche qui i cittadini di tutto il comprensorio si sono uniti e i Comuni si sono opposti in maniera decisa.
Ora siamo passati da questi progetti, al momento scongiurati, ad altri progetti killer per questa zona e sono le aree di stoccaggio per i rifiuti nucleari e, da subito, si sono mossi tutti per la tutela di questo territorio già martoriato da altre situazioni come le colture intensive e,

in primis, le nocciole ma si continua a incentivare a favore di multinazionali dai nome importanti.

Quello delle aree di stoccaggio è ancora, a parole, ma dalle parole ai fatti sarebbe breve ed è giusto aver attivato una petizione per far sentire la voce dei cittadini, che pubblico di seguito e che è stata lanciata dal sindaco di Bagnoregio Luca Profili che è sempre in prima linea su questi come su altri temi per la tutela di questo territorio:

La petizione ha raggiunto quota 5000 firme e prosegue spedita e anche partiti di opposizione stanno presentando delle mozioni urgenti e tra i primi ci sono i deputati di FdI: questo non può che farci piacere.
Per non farci mancare nulla è arrivata la notizia riguardo la volontà di spostare dei campi nomadi da Roma a Viterbo, così abbiamo completato l’opera senza capire che le persone non le devi spostare o rinchiudere in ghetti ma le devi far entrare con tutti i mezzi possibili nel mondo civile e, se così non fosse, devono tornare nei loro luoghi di origine.
Massima collaborazione con chi vuole tutelare questi territori ed è doveroso scrivere che sono stupendi ma soprattutto massima collaborazione con chi lo vuole sviluppare nel migliore dei modi e non deturpare con progetti assurdi.
Massimiliano Sambin
Coordinatore Provinciale Più Italia

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21