Antonina Marascia, nuovo Segretario Generale della Città Metropolitana di Palermo

NewTuscia – PALERMO – Si è insediato stamani, con una cerimonia presso la sala Sciascia di Palazzo Comitini, il nuovo Segretario Generale della Città Metropolitana di Palermo, si tratta di Antonina Marascia, per la prima volta nella storia dell’Ente il ruolo verrà ricoperto da una donna.

Nata in provincia di La Spezia nel 1959, due lauree, la dottoressa Marascia  iniziato la carriera di Segretario nel Bresciano e successivamente in vari comuni del Messinese e del Trapanese fra cui Caronia, Favignana, Campobello di Mazara e Partanna. Dopo l’esperienza a Bagheria, dal 2009 è stata Segretario e Direttore generale a Mazara del Vallo. Presidente della delegazione siciliana dell’Aif (Associazione italiana formatori), ha svolto diverse docenze ed è autrice di varie pubblicazioni. La nomina alla Città Metropolitana di Palermo è arrivata il 30 novembre con un provvedimento del Sindaco metropolitano, Leoluca Orlando. Nell’aprile scorso era stata nominata a capo dell’Organismo indipendente di valutazione della performance dell’Ente.

Antonina Marascia, già segretario generale al comune di Mazara del Vallo, prende il posto di Giuseppe Vella che nel giugno scorso ha lasciato Palazzo Comitini per svolgere il ruolo di magistrato contabile.

Il Sindaco Metropolitano, Leoluca Orlando ha dichiarato: “L’incontro di stamani della Dottoressa Marascia con il Commissario Straordinario, con il Sindaco e con i Dirigenti al vertice dell’amministrazione della Città Metropolitana è stata una occasione per formularle i migliori auguri di buon lavoro.

Nel confermare la soddisfazione di avere scelto alla guida della struttura burocratica dell’Ente una persona di grande esperienza e di grande conoscenza del sistema speciale normativo, esprimo soddisfazione anche per il fatto che si tratta di una donna, la prima donna al vertice della struttura burocratica della Città Metropolitana di Palermo.

Questo è anche un momento per prendere atto delle buone condizioni in cui si trova l’Ente e della esigenza di rafforzare le proprie capacità di intervento, per poter avere una struttura burocratica,  in termini di quantità adeguata, posto che in termini di qualità è sicuramente una struttura di alta qualità, grazie all’impegno dei dipendenti e dei dirigenti; c’è comunque una insufficienza quantitativa che può essere risolta con continue riorganizzazioni da una parte ma anche con interventi che consentano il reclutamento di nuovo personale. È questa la missione che ci siamo dati, di promuovere una rigenerazione metropolitana e al tempo stesso una rigenerazione amministrativa”.

Era presente alla cerimonia anche il Commissario Straordinario del Consiglio Metropolitano di Palermo,Salvatore Currao che ha commentato: “Condivido e apprezzo la scelta del Sindaco, una ottima scelta, poiché si tratta di un dirigente con una grande esperienza, maturata nell’ambito degli Enti locali e una non indifferente preparazione. Sono convinto che nella sua gestione lascerà un segno indelebile”.

 

La Capo di Gabinetto, Marianna Mirto a nome di tutti i Dirigenti, presenti anche loro, ha dato il benvenuto al nuovo Segretario Generale sottolineando: “Daremo tutto il supporto necessario anche e soprattutto perché questo Ente si ritrova a dover affrontare una fase molto delicata, nell’affermare il proprio ruolo di Ente di Area Vasta che è un ruolo strategico per lo sviluppo del territorio”.

Di seguito la commossa dichiarazione del nuovo Segretario Generale della Città Metropolitana di Palermo, Antonina Marascia: “Oggi per me è una giornata molto speciale, si tratta della mia 11ma prima volta in un Ente nuovo che affronto con grandissima emozione e con senso di responsabilità.

Ho promesso al Sindaco metropolitano al Commissario Straordinario e a tutti i miei Dirigenti che farò del mio meglio per assolvere ai miei compiti con entusiasmo, e con quella competenza che ho acquisito negli anni con grandissima passione. Credo che la Città Metropolitana di Palermo, la sua Aria Vasta, il suo Territorio straordinario, i suoi 82 Comuni siano veramente una occasione per mettersi al servizio dei cittadini e anche per coronare una carriera che mi vede impegnata e battagliera da 42 anni”.