Agivir Culture, la membrana che “blocca” il Covid-19 e “benedetta” da Vittorio Sgarbi

NewTuscia / ROMA –  Una membrana adesiva riposizionabile, di lunga durata, trattata con particelle d’argento che la certificano come prodotto antivirale e antibatterico. È Agivir Culture una piccola, grande rivoluzione in tempo di Covid. La pellicola, prodotta in Francia e commercializzata dall’azienda italiana di Reggio Emilia GLAB, inserita in un contesto di sviluppo e applicazione internazionale, contrasta la diffusione dei virus, tra cui il Covid 19.

Agivir Culture consente la sanificazione senza ulteriore intervento umano. Per queste sue caratteristiche, la pellicola si presta all’uso in scuole e università (banchi, cattedre, laboratori, ad esempio), nel campo dei trasporti, della ristorazione, delle palestre, della montagna, nelle funivie o nelle baite, e in tutti quegli spazi comuni che possono trasmettere il virus. Particolare applicazione trova nei musei.

“Un atto di prevenzione essenziale per la sicurezza dei visitatori dei musei che, in questo modo e con gli strumenti già in uso permette ai musei di riaprire senza alcun problema”, dichiara il deputato e sindaco di Sutri Vittorio Sgarbi, “stiamo già impiegando Agivir Culture al Mart di Rovereto”.

L’utilizzo è la diffusione di Agivir Culture sarà al centro della conferenza stampa che si terrà presso la Sala Stampa della Camera dei deputati, lunedì 30 novembre, alle ore 16.00, che vedrà la presenza dell’On.Vittorio Sgarbi e di esperti che illustreranno le caratteristiche tecniche della pellicola Agivir Culture.

La conferenza stampa verrà trasmessa in streaming anche sulla webtv e sulla pagina Facebook della Camera dei deputati.

Per approfondimenti: http://membranaculture.it