Ferrovia Roma Viterbo, TrasportiAmo: «Eliminare barriere architettoniche stazione Montebello»

NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo dall’Associazione Trasportiamo.

«Inviata, nella giornata di martedì 6 ottobre, richiesta di intervento alla Regione LazioRoma CapitaleMunicipio XVAtac e ASL RM1, territorialmente competente, finalizzata a ripristinare l’unico scivolo presente nell’importante nodo di interscambio di Montebello. Necessario ai passeggeri con disabilità motoria per accedere alla stazione, ma chiuso da almeno un anno per cause a noi sconosciute». Lo riferisce l’Associazione TrasportiAmo in un comunicato stampa. «La disabilità motoria è un concento ampio e comprende chiunque, in maniera permanente o temporanea, si trovi ad avere difficoltà nei movimenti, indistintamente dall’uso o meno di sedia a rotelle, passeggini, grucce etc».

«Troviamo la vicenda assurda, l’interdizione della rampa rappresenta un ostacolo o barriera architettonica e costituisce quasi certamente discriminazione indiretta, tale da indurre un grave senso di frustrazione nella persona con disabilità, che non solo si vede limitato l’esercizio della fondamentale libertà di movimento e la possibilità di esplicarla in maniera indipendente, ma altresì si vede posto penosamente al centro dell’attenzione proprio per la sua condizione di disabilità. A quanto pare non è stata sufficiente la sentenza della Corte di Appello di Roma del gennaio 2019, l’ennesima al riguardo, che dava ragione alla signora Maria Cristina Abballe e obbligava l’abbattimento delle barriere architettoniche nella stazione di Rignano Flaminio, per mantenere alta l’attenzione su questo delicato argomento».