Viterbo è anche città della lirica: appuntamento al Colle del Duomo con Cavalleria Rusticana e la Tosca

Kateryna Palazzetti

NewTuscia – VITERBO – Per la prima volta nel capoluogo della Tuscia verrà messa in scena un’opera lirica. Numerosi saranno i componenti originari della Città dei papi che prenderanno parte all’evento, a partire dal direttore Fabrizio Bastianini, il regista Massimo Bonelli, i musicisti e le comparse oltre alle diverse confraternite locali che saranno presenti durante la processione solenne.

A fare da palcoscenico all’aperto ad un evento tanto atteso sarà il colle del Duomo che, incorniciato dalla cattedrale di San Lorenzo e dal Palazzo dei Papi sarà in grado di allietare e saziare lo sguardo degli spettatori.

Sarà possibile assistere alla stagione lirica all’aperto in formato concerto in tre serate diverse a partire dalle ore 21 in Piazza San Lorenzo a Viterbo: venerdì 21 e sabato 22 agosto 2020 andrà in scena Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni e il 29 agosto la Tosca di Giacomo Puccini.

Nella tarda mattinata di oggi si è tenuta la conferenza stampa di presentazione presso il locale Magnamagna sito in piazza della Morte, nel centro storico viterbese, cui era presente il Sindaco di Viterbo Giovanni Maria Arena, l’assessore alla cultura Marco De Carolis, il console di Viterbo del Touring Club Italiano Vincenzo Ceniti, l’organizzatore dell’evento Giuliano Nisi, Manila Olimpieri di Promo Tuscia, l’attore, regista, pedagogo e direttore artistico Andrea Maurizi di A.T.C.L. (Associazione Teatrale Comuni del Lazio) responsabile amministrativo del Teatro Unione e il maestro Romualdo Savastano.

Il Sindaco Arena ha sottolineato il valore che un evento di tale portata assume in un momento di criticità come questo, rappresentando un valido strumento di svago per i cittadini ed i turisti che da tutta Italia scelgono di visitare in sicurezza il capoluogo della Tuscia, una delle mete più ambite a livello nazionale, che grazie al teatro all’aperto da’ la possibilità di mettere in scena un’opera lirica rispettando le normative anti Covid.

Le due serate dedicate alla Cavalleria rusticana di Mascagni sono organizzate dall’associazione XXI secolo con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, dal Comune di Viterbo, dalla Regione Lazio e A.T.C.L.. Il tutto in collaborazione con il premio Fausto Ricci, la fondazione Carivit, l’Accademia delle Arti “Antonio Savastano” e il Touring Club italiano.

Esprime la sua soddisfazione De Carolis che tuttavia afferma che “se non ci fosse stata l’emergenza sanitaria Covid avremmo pensato ad un’estate con spettacoli più diffusi. Nonostante le numerose restrizioni per prevenire il diffondersi del Coronavirus – continua l’assessore – la città è piena di turisti, tanto da rendere difficile trovare alloggio per una notte in hotel e fare il tutto esaurito ai ristoranti. L’estate viterbese, solo al Duomo, conta più di 40 spettacoli”.