Covid, Giannini (Lega): Caos incredibile della regione nel gestire i rientri dai voli esteri. Zingaretti ancora parla?

NewTuscia – ROMA – Riceviamo e pubblichiamo. “Chi, dal 13 agosto, abbia avuto la sventura di rientrare da Grecia, Spagna, Croazia e Malta senza aver effettuato il tampone 72 ore prima del rimpatrio, ha toccato con mano l’improvvisazione della Regione nella gestione dell’epidemia”. Lo dichiara Daniele Giannini consigliere regionale della Lega. “Mentre Zingaretti e D’Amato garantivano all’aeroporto di Ciampino l’installazione di un’area dedicata ai test rapidi – continua il consigliere – i connazionali atterrati il 16 agosto presso lo scalo romano constatavano l’incredibile assenza di tali postazioni.

Da lì l’inizio di un estenuante tour de force iniziato con la comunicazione del rimpatrio al numero verde, e proseguito il giorno dopo, con code di auto in sosta anche per sei ore davanti ai drive-in sotto un caldo torrido. Un’attesa in parte evitabile ricorrendo alla digitalizzazione delle prenotazioni con il sistema QR, ma del resto è andato anche in tilt il sito telematico per il controllo dei referti “. “Dopo quasi sette mesi dalla dichiarazione dell’emergenza sanitaria – conclude Giannini – Zingaretti continua a impartire lezioni, ma la sua Regione mostra ancora falle organizzative che irritano gli utenti e stressano il personale sanitario”.