Provincia di Terni, presidente Lattanzi: “A cittadini vanno date risposte concrete, come sindaco ho dilazionato pagamento tributi, bene provvedimenti su orti e giardini”

NewTuscia – TERNI – “In questo momento di disorientamento, di preoccupazione e di difficoltà anche economiche dobbiamo sforzarci come istituzioni di dare risposte concrete ai cittadini”. Lo dice il presidente della Provincia di Terni e sindaco di Guardea, Giampiero Lattanzi, che interviene sulle nuove disposizioni governative in materia di manutenzioni di orti e giardini e annuncia alcune iniziative riguardanti il Comune di Guardea.

“Credo che l’aver fatto aperture su orti e giardini sia un segnale di grande importanza che ovviamente non riguarda i grandi temi economici della riapertura ma consente ai cittadini di poter uscire in piena sicurezza per loro stessi e per gli altri. Era un tema, questo, che avevamo posto sin dall’inizio anche in sede di comitato provinciale ordine e sicurezza. Ora si è finalmente chiarita una questione sulla quale alcuni preposti ai controlli si ostinavano a sostenere il contrario scoraggiando e rispedendo a casa i cittadini”.

Dilazione tributi comunali – Come sindaco di Guardea poi Lattanzi annuncia la dilazione del pagamento dei tributi fissando nuove scadenze non prima di giugno. “La prima rata della Tari – informa – è stata spostata al 30 giugno, la seconda al 31 luglio e la terza al 31 ottobre. Anche la Tosap verrà pagata a fine giugno mentre l’Imu andrà al 16 settembre”.

“Buoni spesa” – Novità di rilievo anche per i “buoni spesa”. “Il Comune – rende noto Lattanzi – ha aperto una seconda tranche di richieste per distribuire le risorse rimanenti e dare la possibilità di accesso anche a tutti i nuclei famigliari che per varie ragioni non lo avevano fatto nel primo avviso pur avendone diritto.

A tale proposito dobbiamo però sottolineare che stiamo verificando tutte le autocertificazioni per controllare che le domande pervenute siano legittime e non ci siano anche qui i “furbetti della spesa”. Questa attività – conclude Lattanzi – non vuole avere un carattere repressivo bensì garantire l’accesso al buono a tutte quelle famiglie che ne hanno realmente bisogno e che ne abbiano veramente diritto”.