Coronavirus, Giannini (Lega): giunta regionale rispetti direttive ministro Speranza su casa di cura Villi dei Pini ad Anzio

NewTuscia – ROMA – “Dopo il ‘papocchio’ dell’ospedale di Ariccia dove stanno convivendo pazienti infetti da Covid-19 e degenti con altre patologie, anche ad Anzio la giunta regionale, contravvenendo alle disposizioni e alle parole di qualche giorno fa del ministro Speranza che esortava le Regioni ‘a non creare ospedali misti perché ingestibili e perché troppo rischioso per gli altri pazienti e per tutto il personale sanitario’, sta mettendo in pratica la stessa identica cosa. E cioè, far convivere pazienti infetti con quelli di lunga degenza”.
E’ quanto dichiara, in una nota, Daniele Giannini, consigliere regionale della Lega e membro della commissione Sanità, a proposito dell’imminente attivazione di un centro Covid-19 presso la casa di cura Villa dei Pini ad Anzio. “Il Lazio, a oggi – prosegue Giannini – sta convivendo fortunatamente con casi e infezioni ben al di sotto del nord Italia. Non osiamo immaginare considerata la superficialità e l’approssimazione di questa giunta regionale dimostrata in queste settimane con in primis l’assessore alla Sanità D’Amato, cosa sarebbe accaduto a dati invertiti. Chi, ma soprattutto come, si riuscirà a garantire e ad attivare tutte quelle procedure indispensabili per la tutela dei degenti e del personale della casa di cura Villa dei Pini?
D’Amato, oltre a svolgere il compitino giornaliero del riassunto dei dati, risponda al più presto anche a questi interrogativi e al perché se il governo impartisce delle disposizioni, il Lazio deve continuare a comportarsi in modo irresponsabile”.