AlmaLaurea, positive le risposte agli appelli per i neomedici volontari per l’emergenza Coronavirus

NewTuscia – ROMA – Tempestività e immediatezza, le parole d’ordine dell’emergenza sanitaria in atto. Servono risposte veloci e sicure. Come le oltre 1000 pervenute in poche ore dai laureati in Medicina e Chirurgia, della Regione Campania e della Regione Lazio, ai rispettivi avvisi promossi dalle aziende sanitarie locali delle due regioni.

Nonostante, infatti, la procedura d’urgenza con termini perentori, adottata per l’assunzione del personale necessario, la risposta dei giovani è stata veloce, ammirevole e sorprendente. Un grazie dovuto e meritato va ai laureati che, all’indifferibile chiamata, non hanno esitato a rispondere e si sono subito dichiarati disponibili.

AlmaLaurea, a fine marzo, d’intesa con il Ministro dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, per rispondere all’urgente e impellente necessità, da parte delle Regioni, di reclutare personale medico per l’emergenza COVID-19, ha messo a disposizione delle Regioni gli elenchi dei laureati nelle discipline medico sanitarie e pubblicato sul proprio sito un’area informativa con i rimandi ai bandi per l’assunzione del personale.

Sono più di 26.000 i contatti di laureati in ambito sanitario trasmessi ai nove Enti territoriali coinvolti a oggi: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Lazio, Marche, Sicilia, Trentino-Alto Adige – Provincia autonoma di Bolzano, Valle d’Aosta.

In particolare per la Regione Campania e la Regione Lazio, l’appello lanciato ai laureati è stato un vero esempio di tempestività ed efficienza combinando la capacità delle Regioni di gestire in poche ore le procedure di selezione e l’efficacia del sistema Almalaurea nel coinvolgere i laureati potenzialmente interessati. AlmaLaurea, per entrambe le regioni, oltre a fornire gli elenchi, ha condotto direttamente le campagne di informazione che hanno coinvolto laureati in Medicina e Chirurgia, con obiettivi diversi ma comunque mirati ad assunzione temporanea per fronteggiare l’emergenza.

In Campania è stato pubblicato lo scorso 2 aprile l’Avviso, poi promosso da AlmaLaurea con l’invio di una mail a circa 5200 laureati in medicina residenti in Campania o laureati presso Atenei della Regione. La mail è stata inviata (giovedì 2 aprile) alle 13.50 e, in soli cinque giorni, martedì 7 aprile alla scadenza (ore 15.00), oltre ogni aspettativa, risultavano pervenute 700 domande. Così, grazie alla numerosità delle dichiarazioni di disponibilità raccolte, sono state pubblicate in tempi record anche le graduatorie provincia per provincia (link: https://personalessr.regione.campania.it/pages/bandipssr/bandipssr.index.php).

Nel Lazio l’Avviso è stato pubblicato lunedì 6 aprile, con possibilità di inviare domanda il 7 e 8 aprile. Anche in questo caso AlmaLaurea ha promosso l’iniziativa inviando una mail a circa 2850 laureati in medicina residenti nel Lazio o laureati presso Atenei di quella regione. La mail è stata inviata lunedì 6 aprile alle ore 18:30; alla chiusura (ore 24.00), in soli tre giorni, risultavano pervenute 370 domande. Quest’ultimo bando è stato prorogato fino al 24 aprile, per consentire la presentazione della domanda anche a neolaureati e per avere una lista di scorrimento sempre a disposizione.

Gli Avvisi sono stati rilanciati anche dalla pagina speciale dedicata all’emergenza sul sito istituzionale AlmaLaurea (Bandi di ricerca personale pubblicati sul territorio nazionale per l’emergenza COVID-19).

Gaetano Alaimo

Giornalista iscritto all'Albo dal 2002. Ha collaborato al Messaggero di Viterbo per 4 anni. Ha diretto prima Ontuscia.it e dal 2008 dirige NewTuscia.it. A Tele Lazio Nord conduce "Luce Nuova sui fatti", trasmissione settimanale di approfondimento tematico in onda il giovedì alle 21