Fns Cisl: “Carceri Lazio: parte autoproduzione mascherine ma scarseggiano ovunque”


Carcere di Mammagialla, Viterbo

NewTuscia – VITERBO – Con molto piacere apprendiamo dalla pagina facebook del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria che da oggi parte la produzione di mascherine in tessuto non tessuto negli istituti,  anche,  nel Provveditorato Regionale Amministrazione Penitenziaria del Lazio-Abruzzo-Molise e specificatamente nelle sartorie ViterboRebibbia Femminile oltre che di Vasto e  Sulmona, che al loro interno hanno un laboratorio sartoriale riconvertito per la fabbricazione di questi dispositivi, previsto dall’ultimo decreto legge, previo invio di un’autocertificazione all’Istituto superiore di sanità.

Ma purtroppo dobbiamo segnalare come in vari sedi tali mascherine chirurgiche, arrivate in questi giorni,  non bastano per tutti ,  non sono consegnate  agli altri operatori che comunque in carcere ci lavorano, e tantomeno mai  arrivate negli Uffici Locali di Esecuzione Penale  Esterna della Regione.

Mascherine che scarseggiano anche nell’ istituto minorile di Roma – IPM Casal del Marmo- dove però è stata attivata una tensostruttura  per pre-triage e sorveglianza generaleIl Segr. Gen. aggiunto Fns Cisl
Massimo Costantino

 

Il Segretario Generale Aggiunto CISL FNS
F.to Massimo  Costantino