In Viaggio per l’Italia con SuperAbile Intervista al delegato CIP Catania, Claudio Pellegrino, non solo sulla situazione cittadina legata COVID-19 ma anche sull’evento – poi annullato – originariamente in programma il 30 marzo al “Karol Wojtyla”

NewTuscia – CATANIA – “Passo le mie giornata lavorando da casa”. Sesto appuntamento con la rubrica in Viaggio per l’Italia con SuperAbile. Oggi spazio al delegato del comitato italiano paralimpico di Catania, Claudio Pellegrino.

“E’ un brutto momento – puntualizza l’attivissimo Claudio – ma tutti uniti ce la faremo. Anche per me è un grande sacrificio rimanere in casa. Di solito trascorro parecchio tempo fuori casa sia per le mie attività professionali e come delegato CIP Catania che per la pratica sportiva individuale. Ma adesso è il tempo di seguire alla lettera le prescrizioni governative. Come passo il tempo? Trascorro le mie giornate, ovviamente in casa, sostanzialmente lavorando al PC fino alle 17. Poi mi concedo un’ora di sport in terrazza. Quindi mi aggiorno sulle tematiche legate alla disabilità ed allo sport paralimpico ed infine mi dedico ad un’altra mia grande passione: la fotografia”.

Claudio Pellegrino parla anche dell’evento insieme all’Associazione SuperAbile Viterbo che era inizialmente previsto per il 30 marzo all’istituto Karol Wojtyla di Catania ma che, gioco forza, è stato annullato.

“Sono davvero dispiaciuto, era davvero una bella iniziativa – conclude Claudio Pellegrino –. Come delegato CIP Catania – una volta contattato da Alfredo Boldorini -avevo messo a disposizione ogni aiuto. Non appena sarà terminata l’emergenza COVID-19 la organizzeremo di nuovo”.

 Associazione SuperAbile Viterbo APS