Docente e studentessa positivi al Coronavirus: l’Unitus sospende le attività didattiche

NewTuscia – VITERBO – Una studentessa georgiana e un docente del dipartimento di Agraria dell’Università della Tuscia sono risultati positivi al tampone per il coronavirus effettuato allo Spallanzani. La studentessa alloggiava presso la casa dello studente in via Cardarelli; immediatamente è scattato il protocollo di sicurezza.

Gli studenti che si trovavano nell’alloggio sono stati invitati a non uscire per 15 giorni: saranno monitorati dalla Asl che darà loro anche le istruzioni necessarie.

Il comunicato ufficiale della regione Lazio sulla casa dello studente: 

“DiSCo e la Regione Lazio, secondo le indicazioni della ASL di Viterbo, stanno ponendo in essere tutte le azioni opportune per tutelare gli studenti ed il contenimento del contagio a seguito del riscontro positivo al test per il Covid-19 della persona che era ospite presso la “Residenza Cardarelli” di Viterbo. Le autorità competenti hanno disposto l’isolamento domiciliare fiduciario per gli studenti ospiti della struttura. Sarà cura di Disco provvedere a recapitare agli studenti i pasti giornalieri.

Nel caso si avesse bisogno di comunicare con gli uffici DiSCo di Viterbo, gli operatori sono comunque disponibili ai seguenti recapiti telefonici ed email: 0649701; studenti.lazioset@laziodisco.it “

L’Ateneo invece rimarrà chiuso invece fino alla metà di marzo. Ecco il comunicato ufficiale diramato dall’Università.

“Il rettore dell’Università degli studi di Viterbo Stefano Ubertini, sentite le autorità preposte, ha disposto la sospensione dalle ore 14 di oggi di tutte le attività didattiche, specialistiche, aggregative, tirocini ed altro presso tutti i Dipartimenti  dell’UNITUS di Viterbo fino al 15 marzo.

Rinviati incontri, riunioni e anche il concerto di sabato prossimo 7 marzo. Questo a seguito della positività al COVID-19 di un docente del polo di Agraria e di una studentessa di nazionalità georgiana già allo “Spallanzani” di Roma. Il docente l’ultima volta ha frequentato i locali dell’Università della Tuscia il 20 febbraio u.s. La sospensione delle attività didattiche è stata decisa in via precauzionale, per motivi di contenimento e per consentire la igienizzazione di tutti i locali.

La situazione è costantemente sotto controllo sia da parte delle autorità sanitarie  sia di quelle universitarie. Ulteriori aggiornamenti saranno oggetto di altre comunicazioni.”