Fissata il 7 aprile l’udienza per i datori di lavoro dell’operaio schiacciato dal trattore

NewTuscia – VITERBO – Andranno in contro ad un giudizio immediato i due datori di lavoro del giovane taglialegna Dumitru Botan, morto lo scorso giugno dopo essere rimasto schiacciato sotto il suo stesso trattore nei pressi di Soriano del Cimino.

Il nove di quel mese, secondo le ricostruzioni, la trattrice gommata su un ripido tratto di salita nei boschi in località Piangoli Acquaspasa si sarebbe ribaltata, e Dumitru, al suo interno, sbalzato fuori dell’abitacolo e schiacciato sotto il mezzo pesante dopo un volo di circa sessanta metri. La morte è sopravvenuta senza lasciare il tempo ai soccorritori, quasi tutti colleghi stranieri, di fare qualcosa.

I due datori di lavoro adesso sono accusati di essere responsabili della morte del giovane per non avergli fornito le garanzie e le sicurezze necessarie, dato che l’operaio era alla guida del mezzo pur non essendo in possesso del patentino e della necessaria formazione.

I loro avvocati hanno 15 giorni di tempo per chiedere il rito alternativo, che in caso di condanna  prevede lo sconto di un terzo della pena. La loro udienza è fissata per il 7 aprile.