NewTuscia – CIVITAVECCHIA – E’ in corso da stamattina la discesa dei 6 mila passeggeri bloccati da circa 24 ore a bordo della Costa Smeralda per due casi sospetti d’influenza che, nelle ore in cui il Corona virus ha causato già oltre 100 morti nel mondo, ha provocato l’allarme dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Sono stati effettuati test sanitari presso l’ospedale Spallanzani di Roma che hanno accertato, come confermano molte fonti, una tipologia d’influenza “normale”, l’H1N1, in anni passati definita impropriamente “suina” e che aveva creato altrettanta paura quando esplose.

La nave è stata messa in libertà come da ordinaria amministrazione e, i passeggeri, dopo essere stati bloccati per molte ore, sono stati autorizzati ad uscire.

Come si è saputo è stata una coppia di sposi ad essere messi in isolamento presso l’infermeria della Costa Smeralda: erano arrivati da Hong Kong a Malpensa il 25 gennaio scorso.

Anche nella Tuscia si è seguito con attenzione l’evolversi della situazione per la vicinanza dei territori del Viterbese al porto di Civitavecchia.

Per fortuna, almeno in questo caso, tutto è finito bene.