Lega: rispetto per il corpo di Polizia Penitenziaria

NwTuscia – VITERBO  Riceviamo e pubblichiamo.
Lega intende esprimere vicinanza al corpo di polizia penitenziaria impegnato presso la casa circondariale di Viterbo per le gravi accuse avanzate in questi giorni.

Non possiamo accettare che chi presta quotidianamente il proprio servizio  in favore dello Stato in un ambiente in cui da tempo si lamentano criticità, quali sovraffollamento delle strutture ed esiguità del numero di agenti, possa oggi essere additato di essere un presunto  torturatore.
Se la situazione delle carceri è veramente importante per questo Governo,  che il Ministro  Bonafede intervenga per rimediare alle disastrose  condizioni in cui la polizia penitenziaria è costretta a lavorare.

Non possiamo nemmeno permettere che certe  vicende possano essere strumentalizzate da alcuni per tornaconto personale, infangando un intero comparto della Polizia di Stato.

Confidiamo nel lavoro  della magistratura, certi che possa appurare l’infondatezza di quanto emerso e restituire dignità a chi della lotta alla criminalità ne ha fatto un principio di vita e oggi  è immeritatamente descritto come un mostro.

La Lega continuerà a manifestare il proprio sostegno alla Polizia penitenziaria e a tutti gli uomini e le donne che ne fanno orgogliosamente parte.

Umberto Fusco e il coordinamento di Lega Viterbo