Natale a Montefiascone, l’anteprima del programma

Il Comune di Montefiascone ha ottenuto un finanziamento per l’organizzazione degli eventi natalizi partecipando all’“Avviso concorrenziale per la concessione di contributi proposti dai Comuni della Regione Lazio nel periodo 8 dicembre 2019 – 13 gennaio 2020″

NewTuscia – MONTEFIASCONE –  Il Natale montefiasconese, organizzato dal Comune, dalla Pro-loco e da numerose Associazioni, è pensato per tutte le fasce di età della popolazione e per tutte le tipologie di turisti, coinvolgendo bambini, ragazzi e adulti. Da dicembre fino al 13 gennaio, data in cui si concluderanno gli eventi con la premiazione dei presepi esposti presso la Biblioteca Comunale, si dipanerà una serie di appuntamenti da non perdere.

“Siamo stati finanziati per il bando regionale con importo di €5000 e il sindaco Massimo Paolini, l’amministrazione comunale e in particolar modo io stesso,  siamo entusiasti e orgogliosi”, spiega l’assessore Paolo Manzi, “poiché l’ottima collaborazione con la Pro Loco sta portando dei frutti importanti per quanto riguarda gli eventi a Montefiascone. Un ringraziamento va appunto a tutta la Pro Loco, rappresentata dal presidente Donnino Giuseppe, e alle altre associazioni che stanno collaborando per la realizzazione di un programma in grado di coinvolgere tutti, in particolar modo i bambini”.

Ed è un Natale in cui i bambini saranno protagonisti a 360 gradi, saranno loro a realizzare alcuni mercatini a tema plastic free e a beneficiare dell’arrivo a cavallo di Babbo Natale a piazzale Roma o a poter depositare le letterine nella sua casetta. Ma non saranno dimenticati neppure gli adulti.

Il pezzo forte del ciclo di eventi infatti riguarda i presepi: ci sarà la mostra dei presepi provenienti da tutta la Tuscia, e la rappresentazione vivente della Natività ad opera degli Amici del Colle che avrà luogo alla Rocca dei Papi, dove il meraviglioso palazzo dal grande giardino farà da sede con location interne ed esterne. Il luogo è particolarmente ideale per riportare alla luce un mondo fatto di cose semplici e genuine: i pastori, i contadini, gli artigiani, in mezzo ai quali il figlio di Dio si fa uomo tra gli uomini e tra gli ultimi, in un’atmosfera fatta di grotte, profumi, colori e di calore umano.

A condire il tutto, durante il percorso non mancheranno degustazioni gratuite di prodotti tipici locali.