Viterbo, Librimmaginari 2019 ci porta tra paesaggi remoti

loading...

NewTuscia – VITERBO – La nuova edizione di Librimmaginari si concentra su quei paesaggi remoti  in cui l’immaginazione si fonde con la geografia. Luoghi dispersi, angoli della memoria o territori del mito: gli artisti di Librimmaginari riflettono su questi temi attraverso mostre, laboratori o letture teatrali. Librimmaginari inizia il 16 Novembre con la mostra Un atlante del paesaggio rupestre, mostra conclusiva della residenza che tre illustratori – Antonio Cammareri, Stefania D’Amato e Luogo Comune – hanno realizzato nel territorio di Matera per il programma residenze di Matera 2019. Tra Dicembre e Febbraio Librimmaginari ospiterà tre laboratori che affrontano da diversi punti di vista il tema del giardino, dal giardino delll’eden a quello fatato, i temi letterari si intrecciano con l’immaginario dei giardini della Tuscia. Lucio Villani, Marco Corona e Massimo Alfaioli sono gli artisti invitati a condurre i laboratori che si svolgeranno in maniera gratuita per i partecipanti. Ma i luoghi remoti e fantastici sono anche l’oggetto dell’evento del 12 Dicembre: Rodari dappertutto. Un viaggio itinerante nelle geografie rodariane che si svolgerà tra scuole, librerie e spazi culturali della città per celebrare l’avvicinarsi del centenario della nascita di Gianni Rodari.

Librimmaginari è un progetto di Arci Viterbo a cura di Marcella Brancaforte e Marco Trulli e con il sostegno del Comune di Viterbo.

PROGRAMMA

14 novembre 2019

Ore 18.00

Libreria dei Salici, Via Cairoli

Pubblicare il paesaggio

La ricerca editoriale contemporanea nei territori dell’arte

Emanuele De Donno (editor Viaindustriae publishing)

16 novembre  2019

Ore 17.00

Biancovolta, Via delle Piagge, 23

Inaugurazione della mostra Un atlante del paesaggio rupestre

Artisti

Antonio Cammareri, Stefania D’Amato, Luogo Comune

«Un atlante del paesaggio rupestre» è un progetto espositivo che nasce dalla residenza di tre illustratori – Stefania D’Amato, Luogo Comune e Antonio Cammareri – nell’ambito del programma Residenze di Matera 2019, grazie ad un progetto ideato da Arci nazionale e Arci Basilicata in collaborazione con BJCEM. Il paesaggio della Murgia materana è popolato da innumerevoli di abitazioni e luoghi di culto scavati nelle rocce, per secoli popolati da pastori, contadini, gruppi religiosi, pellegrini ed eremiti. La relazione secolare e la coabitazione tra uomo e natura aspra costituisce un palinsesto di suggestioni che è stato il focus di osservazione degli artisti. Durante la residenza hanno incontrato esperti, camminatori, storici ed esperti di cultura visuale.

La mostra è un itinerario dello sguardo, un archivio di simboli, segni, stratificazioni e miti di questo palinsesto che è, al contempo, arcaico e moderno. È il primo passo verso la realizzazione di un vero e proprio atlante del paesaggio rupestre materano.

«Abbiamo potuto osservare il conflitto che nasce tra la custodia del luogo e il turismo culturale; ossia, il problema di proteggere e rendere accessibile allo stesso tempo questa meraviglia senza comprometterla».

Antonio Cammareri, illustratore e fumettista, vive e lavora a Trapani, Stefania D’Amato, illustratrice, vive e lavora a Brescia, LuogoComune, artista multidisciplinare, vive e lavora a Bologna.

 12 dicembre 2019

Ore 9.00–20.00

Rodari dappertutto. Letture itineranti dei testi di Gianni Rodari

 Librimmaginari invita scuole, asili, famiglie, librerie a leggere Gianni Rodari, visto l’avvicinarsi dell’anniversario del centenario della nascita.

Tutti i paesaggi remoti, i luoghi dell’invenzione di Rodari, dal palazzo di gelato di Bologna alle strade di cioccolato di Barletta in un programma di letture diffuso nella città.

 15 dicembre 2019

Ore 16.45

Foyer del Teatro dell’Unione

Libri in Scena. Rodari dappertutto

Con la partecipazione di Augusto Terenzi

Laboratori

13, 14 e 15 dicembre 2019

Biancovolta, Via delle Piagge, 23

Il Giardino e oltre il Giardino. Il Giardino dell’Eden

Workshop di illustrazione a cura di Lucio Villani

Il laboratorio di disegni e illustrazioni sul Giardino, dovrebbe essere un inizio di scoperta.

Basandosi sugli scritti di Arturo Graf, parlare del Giardino dell’Eden, della sua leggenda e delle sue possibili visualizzazioni. Partendo dai Giardini che si conoscono, che sono in città, murati, segreti e manifesti e dall’estetica medievale che connota la forma viterbese da sempre. Gli strumenti per partecipare al laboratorio dovrebbero essere e rimanere semplici, un quaderno con fogli bianchi formato A5 o 17/24 e una penna bic o matita o qualunque cosa con cui si disegni comodamente e senza inibizioni. Il tema conduttore è quello di parlare, narrare e poi disegnare insieme, partendo dalle leggende sul Giardino dell’Eden, per arrivare alle visualizzazioni di Giardini conosciuti in cui, magari, dare inizio a narrazioni.

24, 25 e 26 gennaio 2020

Biancovolta, Via delle Piagge, 23

Il giardino fatato

Workshop di illustrazione a cura di Marco Corona

 Il giardino fatato è la suggestione di partenza del laboratorio. Un epicentro di storie e narrazioni fantastiche che possono essere sviluppate in maniera eterogenea dai partecipanti. Un luogo di piante e creature, un mondo perduto o nascosto, un angolo della memoria da coltivare.

Durante il workshop verrà realizzato un video che narra la costruzione delle immagini e l’incedere dei percorsi creativi condivisi.

 14/15/16 febbraio 2020

Biancovolta, Via delle Piagge, 23

Segreti per un giardino illustrato

Workshop di illustrazione a cura di Massimo Alfaioli

Massimo Alfaioli è un illustratore italiano con la passione per il giardino. Con questo laboratorio intende mostrare come nascono le sue illustrazioni a tema botanico e come questo metodo possa essere adattato alla sensibilità di ciascuno dei partecipanti.

Il laboratorio condurrà i partecipanti nell’itinerario di creazione e di realizzazione di elaborati che potranno evolversi anche in tavole digitali, grazie all’aiuto dell’illustratore.

I workshop sono gratuiti

Prenotazione obbligatoria a culturavt@arci.it

Librimmaginari è un progetto di Arci Viterbo a cura di Marcella Brancaforte e Marco Trulli

Per info www.arciviterbo.it

Con il sostegno del Comune di Viterbo