Sutri, Candida Pittoritto (Civiltà Italiana): “Richiesta di decadenza del Consigliere Comunale On. Vittorio Sgarbi”

Riceviamo e pubblichiamo: 

SUTRI – Candida Pittoritto (Civiltà Italiana) invia una lettera aperta al Segretario comunale, al comando stazione dei Carabinieri, ai Consiglieri Comunali loro sedi con una richiesta di decadenza del Consigliere Comunale di Sutri On. Vittorio Sgarbi.

La sottoscritta Candida Pittoritto, nata a Roma il 28 luglio 1972, in qualità presidente del movimento politico denominato “Civiltà Italiana”, inoltre come cittadina italiana che ama il proprio Paese e la propria regione, chiede al Segretario comunale del Comune di Sutri, alla Prefettura di Viterbo e alla Corte dei Conti, di far rispettare la legge vigente.

Il Comune di Sutri è gestito da un anno e mezzo circa senza un sindaco quasi mai presente sul territorio. Un sindaco che non partecipa alle giunte, che non partecipa alla vita cittadina, trascinato in continue liti di
maggioranza e di opposizione, in una situazione dove è difficile capire quale sia la maggioranza e quale invece sia l’opposizione, ma la cosa più grave che il primo cittadino Vittorio Sgarbi essendo anche consigliere comunale, pertanto eletto dal popolo, in tutto questo periodo oltre a non essere presente in Giunta non è mai presente ai Consigli Comunali. Su questo punto la legge è ben chiara e visto che nel comune regna il caos più assoluto e in tali condizioni non si risolvono certamente i problemi di normale amministrazione, con le continue liti per un posto in Giunta, io come cittadina italiana e come presidente del Movimento Civiltà Italiana, denuncio ed espongo che il sindaco di Sutri Vittorio Sgarbi sta violando l’articolo 273 comma 6 del decreto legislativo 267/2000, in quanto le sue ripetute assenze in consiglio comunale non sono dovute a giusta causa.

Infatti il sindaco risulta essere sempre attivo altrove in altre sue attività, lungo l’intera penisola, sia per i propri spettacoli, per le presenze televisive e quant’altro. Perciò in base alla legge sunnominata chiedo di indagare ed eventualmente in caso di accertamento positivo, far decadere da consigliere comunale il sindaco Vittorio Sgarbi, conseguenza della quale sarebbe anche la sua decadenza dalla carica di primo cittadino.

Per brevità accenno alle presenze certe del Sindaco in Consiglio comunale:
– 20/06/2018 (insediamento)
– 11/03/2019
– 26/03/2019

Il Sindaco avrebbe dovuto essere presente al primo consiglio convocato per conferire la cittadinanza a Mimmo Lucano che venne non posto in essere. Sempre lo stesso avvenne per il Consiglio indetto  ad Ottobre 2018, con solo oggetto “comunicazioni alla cittadinanza”, annullato 20 minuti prima del suo inizio… Altri consigli in cui il Sindaco sia stato presente non ci sono pervenuti.
Decadenza per mancata partecipazione al consiglio comunale. L’articolo 43 comma 4 del decreto legislativo 18 agosto del 2000 numero 267 prevede che lo statuto stabilisce i casi di decadenza Per la mancata
partecipazione alle sedute. In mancanza della previsione statutaria si veda l’articolo 273 comma 6 del decreto legislativo 267/2000.

In fede
Candida Pittoritto